Gestione delle emergenze

Piani di emergenza

Cosa fa la Regione

Il piano di emergenza è lo strumento che definisce in via preventiva, quando si verifica un evento calamitoso, le responsabilità ed i compiti di chi deve intervenire, la catena di comando e le risorse da attivare per la salvaguardia dei cittadini e del territorio.

La Regione Emilia-Romagna è stata la prima in Italia a siglare un Protocollo di intesa tra le principali componenti del sistema di protezione civile contenente Linee guida per la pianifcazione di emergenza e un modello di intervento coordinato, per assicurare interventi più efficaci e tempestivi in caso di alluvioni, terremoti, eventi idrogeologici, incendi o rischi di tipo chimico, industriale.

 Il piano si articola in tre parti fondamentali

  1. Parte generale: raccoglie tutte le informazioni sulle caratteristiche e sulla struttura del territorio;
  2. Lineamenti della pianificazione: stabiliscono gli obiettivi da conseguire per dare un’adeguata risposta di protezione civile ad una qualsiasi situazione d’emergenza, e le competenze dei vari operatori;
  3. Modello d’intervento: assegna le responsabilità decisionali ai vari livelli di comando e controllo, utilizza le risorse in maniera razionale, definisce un sistema di comunicazione che consente uno scambio costante di informazioni.

Delibera di Giunta regionale n. 1439 del 10 settembre 2018
Approvazione del documento "Indirizzi per la predisposizione dei piani comunali di protezione civile" 

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/04/28 13:35:00 GMT+2 ultima modifica 2019-01-09T14:38:29+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina