LIFE PRIMES

Università politecnica delle Marche

Dipartimento di Scienze della Vita e dell’Ambiente

Unversità politecnica MarcheL'Università Politecnica delle Marche (UNIVPM) è stata fondata nella sua attuale configurazione nel novembre 1959 ed è l'ultima espressione di una sequenza di istituti di istruzione superiore che hanno operato nella città di Ancona dal 1562. In quell'anno papa Pio VI autorizzò la città di Ancona a istituire uno Studium Generale cuiuscumque Facultatis et Scientiae, offrendo corsi in diritto civile e canonico.

Al giorno d'oggi, l'Università è composta da cinque facoltà: agraria; economia; ingegneria; medicina; e scienze con circa 13.000 studenti, 450 docenti e 550 unità di personale tecnico e amministrativo.

Tra i vari diplomi offerti dall'Università vi sono un corso di Laurea Triennale in Scienze Ambientali e Protezione Civile, una Laura Magistrale in Sostenibilità Ambientale e Protezione Civile, e un Dottorato di Ricerca in Protezione Civile e Ambientale.

Sul fronte della ricerca, il Dipartimento della Vita e Scienze Ambientali è composto da molti laboratori tra cui quello sulla Riduzione del Rischio Disastri e Protezione Civile. I ricercatori di questi laboratori collaborano con vari istituti di ricerca di tutto il mondo (USA, Canada, UE, Belgio, Francia, Spagna, Regno Unito, Germania, Austria, Grecia, Croazia, Indonesia, Vietnam, Sri Lanka, Madagascar, Singapore, Israele, ecc.) ed i progetti si concentrano sia su problematiche locali sia su quelle globali in materia di sostenibilità ambientale e prevenzione delle catastrofi.

Numerosi collaborazioni congiunte sono state stabilite con diverse istituzioni che operano nell’ambito delle emergenze complesse, gli affari umanitari e lo sviluppo sostenibile. Per esempio, in seguito allo tsunami del 2004 nell'Oceano Indiano, il laboratorio di Riduzione del Rischio Disastri e Protezione Civile ha ricevuto in grosso finanziamento dalle Nazioni Unite e dal Ministero Affari Esteri Italiano per organizzare e svolgere un programma di Master in Gestione dell’Emergenza per 30 studenti provenienti dallo Sri Lanka, al fine di aiutare quel paese ad organizzare lo sviluppo di un sistema di protezione civile locale.

Numerosi altri progetti di ricerca sono stati sviluppati in Vietnam, sul tema delle inondazioni, pianificazione territoriale e sostenibilità ambientale. Collaborazioni sono state stabilite anche con la Protezione Civile Europea (ECHO), il Dipartimento Nazionale della Protezione Civile Italiana e con il Dipartimento della Protezione Civile della Regione Marche, con il quale l'Università ha durature collaborazioni sia per la didattica sia per la ricerca.

Azioni sul documento
Pubblicato il 05/04/2016 10:51 — ultima modifica 05/04/2016 10:51

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali