Modena, finanziati nuovi interventi legati all’alluvione del Secchia del 2014

Le risorse di oltre tre milioni di euro derivano da economie

18.05.2018

Alluvione secchia Bologna, 18 maggio 2018 - La Giunta regionale dell’Emilia-Romagna ha approvato una serie di nuovi interventi sul territorio modenese legati agli eventi alluvionali del bacino del fiume Secchia di gennaio 2014. Gli interventi sono finanziati grazie alle economie generate dagli interventi di prima emergenza conclusi e facenti capo alle risorse disposte attraverso l’ordinanza 175/2014 a seguito della dichiarazione di stato di emergenza. I nuovi interventi sono stati programmati in relazione al completamento degli interventi di ripristino e di prima emergenza o per la sistemazione e l’adeguamento di corsi d’acqua interessati dalle acque alluvionali: ammontano ad un importo complessivo di tre milioni 214mila euro.

Si tratta di sette interventi di cui cinque da realizzarsi a cura dei Comuni di Bastiglia e San Felice sul Panaro. A Bastiglia viene ripristinato lo spazio in piazza della Repubblica impiegato come area di ammassamento in emergenza (30.312 euro) e si interviene a riprofilare e adeguare le sponde del Cavo Levata e del Cavo torricella (660mila euro). Vengono sostenute anche le spese per le pulizie straordinarie post emergenza del municipio, della scuola primaria e della biblioteca comunale, oltre a quelle per il ripristino degli spazi e degli allestimenti del Museo della civiltà contadina danneggiati dall’alluvione (104.062 euro). A San Felice sul Panaro viene messa in sicurezza la strada comunale via Lavacchi compromessa da cedimenti e avvallamenti del piano carrabile (150mila euro). 

In capo al Consorzio della Bonifica Burana è invece un consistente intervento da due milioni di euro che interessa i territori dei Comuni di San Felice sul Panaro e di Camposanto e riguarda il completamento del ripristino di argini e di opere e infrastrutture di difesa idraulica danneggiate dall’alluvione, in particolare il consolidamento del Cavo Dogaro nel tratto compreso tra l’impianto consortile e l’abitato.

Infine, l’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile (Servizio coordinamento programmi speciali e presidi di competenza) è il soggetto attuatore di interventi di messa in sicurezza dei torrenti Grizzaga, Gherbella e Tiepido a monte della confluenza nel Panaro, a difesa della città di Modena (270mila euro).

Azioni sul documento
Pubblicato il 18/05/2018 10:47 — ultima modifica 18/05/2018 10:47

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali