Al via il maxi cantiere per la messa in sicurezza dell'argine del Secchia

Intervento da oltre 6,7 milioni di euro. Da Aipo l'affidamento del primo lotto

05.06.2018

Argine SecchiaBologna, 5 giugno 2018 – Chiusa la gara si parte col maxi cantiere. Nella sede centrale di Aipo a Parma è terminata nei giorni scorsi la procedura di esame delle offerte per l’aggiudicazione, da parte dell’Agenzia, del primo lotto di lavori di adeguamento e messa in sicurezza dell’argine del fiume Secchia nel tratto che va dal Comune di Campogalliano (Mo) all’attraversamento della linea Tav nel Comune di Modena. Opera affidata all’associazione temporanea di imprese formata da Cimoter, Cementsystem, Opere geotecniche di Valter srl.

L’intervento, un anno di lavori per complessivi 6.774.000 euro (al lordo del ribasso d’asta), è finalizzato all’adeguamento in quota e in sagoma del sistema arginale a valle della cassa di espansione fino al confine regionale. 

Il primo lotto di lavori

Questo primo stralcio riguarderà il tratto arginato che va dal Comune di Campogalliano all’attraversamento della linea Tav nel Comune di Modena.

Per arrivare a definire il progetto esecutivo è stato necessario un complesso e approfondito lavoro di analisi e di studio sulle caratteristiche morfologiche e idrauliche del tratto considerato, in modo da individuare con precisione la localizzazione e le tipologie degli interventi.

Le operazioni di ringrosso arginale saranno realizzate prevalentemente dal lato fiume e solo in alcuni casi dal lato campagna dell’argine.

In alcuni settori sono previsti interventi di impermeabilizzazione e diaframmatura, per evitare fenomeni di infiltrazione e sifonamento, posizionamento di scogliere in massi, riprofilature dell’alveo, inserimenti di palancole. In programma anche opere di adeguamento dei sistemi di intercettazione di due canali interferenti, Canale Carrobbio e Fossa Cassana, nel Comune di Modena.

Le operazioni di cantiere richiederanno inevitabilmente chiusure temporanee del passaggio sugli argini e interesseranno anche il percorso ciclopedonale “Natura Secchia”, che verrà in ogni caso completamente ripristinato a fine lavori.

I commenti

“Continuiamo a lavorare per la messa in sicurezza del territorio, per noi una priorità- afferma il presidente della Regione, Stefano Bonaccini- sapendo che la prevenzione è un fattore fondamentale, senza mai lasciare soli cittadini, imprese e comunità locali quando è necessario un aiuto immediato. E ora un nuovo maxi cantiere per la sicurezza del nodo idraulico di Modena, sul quale vengono investiti complessivamente 36 milioni di euro, è pronto a partire nel pieno rispetto dei tempi fissati, e cioè entro l’estate”. 

 

“Nei giorni scorsi- sottolinea l’assessore regionale alla Difesa del suolo, Paola Gazzolo- avevamo fatto il punto degli interventi con i sindaci dei Comuni coinvolti dall’alluvione del 2014, la provincia e tutte le autorità competenti: l’affidamento dell’appalto sugli argini del Secchia conferma quanto annunciato in quell’occasione. Ringrazio Aipo per il lavoro svolto procedendo secondo il calendario fissato, anche a fronte della complessità delle opere che ha richiesto un’approfondita fase di studio e valutazione. La sicurezza- conclude l’assessore- è una priorità della Regione: avanti così per attuare anche i prossimi cantieri, fino al completamento del piano di investimenti previsti per la bassa modenese”.

Azioni sul documento
Pubblicato il 05/06/2018 10:07 — ultima modifica 05/06/2018 10:07
Approfondimenti

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali