Al via lo studio degli argini del Tresinaro, nel reggiano

Esami strumentali faranno conoscere lo stato di salute delle sponde del torrente Tresinaro

Reggio Emilia, 22 novembre 2018 - Sono in avvio le indagini e le analisi finalizzate a stabilire le condizioni degli argini del Tresinaro, in territorio reggiano.

Si tratta di attività specialistiche che il Servizio Area Affluenti Po dell’Agenzia regionale di Protezione Civile e Sicurezza territoriale, diretto da Francesco Capuano, ha appena consegnato alla ditta specializzata Geoexploration srl di Forlì, per un importo  complessivo di 40.000 euro, che è stato finanziato con fondi del Programma Operativo di Protezione Civile 2018, approvato con la delibera di Giunta regionale n. 859 del 11 giugno 2018.

L’area di indagine si colloca nei territori dei Comuni di Rubiera, Reggio Emilia, Casalgrande e Scandiano ed interessa parte del bacino del Torrente Tresinaro, affluente in sinistra idraulica del Fiume Secchia.

Le verifiche tecnico-geognostiche e prospezioni sulla struttura arginale si rendono necessarie al fine di acquisire maggiori elementi che permettano di circostanziare meglio gli scenari individuati dal Piano Gestione Rischio Alluvioni e dai Piani di emergenza vigenti.

L’esecuzione delle indagini, progettate dai tecnici dell’ambito di Reggio Emilia del Servizio Area Affluenti Po, permetterà di approfondire le conoscenze sui sistemi di difesa e sulle criticità esistenti. Infatti il suo tratto arginato, che da Arceto arriva fino alla confluenza nel Secchia, ha subito diverse deviazioni dal 1600 in poi, a seguito della realizzazione del Canale di Secchia, che ne hanno modificato profondamente il tracciato.

Il tratto oggetto di indagine è oggi soggetto al servizio di piena durante gli eventi meteo più intensi poiché l’aumento della pressione antropica, e la conseguente riduzione dei tempi di corrivazione delle acque, ha determinato condizioni di rischio per gli abitati che lambisce, già condivisi con le amministrazioni comunali interessate.

Le indagini consentiranno di aumentare le conoscenze sulle caratteristiche geotecniche delle arginature e dei terreni immediatamente sottostanti a queste, attraverso metodi di prospezione diretta e indiretta, al fine di approfondire le conoscenze sulle eventuali criticità e fornire elementi utili per le progettazioni future.

Inoltre è prevista l’esecuzione di modesti lavori di sfalcio lungo gli argini finalizzati alla campagna d’indagine, che circa durerà sessanta giorni.

La progettazione e la direzione lavori è seguita dai funzionari tecnici del Servizio Area Affluenti Po, Federica Manenti, Alessio Campisi e Fabio Mari .

 

Per approfondimenti:

Azioni sul documento
Pubblicato il 21/11/2018 18:20 — ultima modifica 22/11/2018 09:56

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali