Allerta Gialla per pioggia che gela anche domani sabato 3 marzo in Emilia occidentale

Allerta Gialla anche per criticità idrogeologica. Riattivata frana storica a Gaggio Montano (Bo)

02.03.2018

parabrezza ghiacciatoBologna, 2 marzo 2018 – Si confermano anche per domani le condizioni per una Allerta Gialla per pioggia che gela, limitata alle vallate e alla pianura del settore centro occidentale (da Piacenza a Modena), in esaurimento dal pomeriggio. Nel resto della regione sono previste piogge, con un rialzo delle temperature. La perturbazione è attesa a partire dalla notte di sabato 3 marzo per tutta la giornata.

Questo è il quadro meteorologico elaborato dal Centro funzionale Arpae E-R sulla base dei dati previsionali: l’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile lo ha recepito disponendo l’emissione di un’Allerta Gialla, la numero 32, valida dalle 00.00 alle 24.00 di sabato 3 marzo. Otre al fenomeno della pioggia che gela (sottozone E, F, G, H) è stata emessa un’Allerta Gialla anche per rischio frane (criticità idrogeologica), sulle aree A, B, C ed E corrispondenti ai bacini e alla costa romagnoli, ai bacini emiliani orientali e centrali (province di RA, FC, RN, BO, MO, RE e PR).

Per quanto riguarda la viabilità, resta chiusa la strada Bidentina da Campigna fino in prossimità del Passo della Calla (Fc), a causa di una slavina che ha interessato la carreggiata.

Nel Bolognese, nel Comune di Gaggio Montano (località Vaina), si è riattivata la frana storica della Maranina che insiste sulla Porrettana Vecchia, a ridosso del fiume Reno. La strada è stata chiusa. La frana, lunga 700 metri e larga 100, ha sfondato la protezione al piede e minaccia alcune abitazioni, di cui una è stata evacuata. Interessate anche le infrastrutture elettriche, ma senza ripercussioni sulle utenze. Sul posto ci sono i tecnici del Comune e della Comunità montana, i funzionari e tecnici del Servizio dell’Area Reno Po di Volano dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, in raccordo con il Servizio Geologico e dei Suoli e la Prefettura di Bologna. Per garantire il monitoraggio della frana fino a domenica è stato chiesto il supporto di volontari.

Nel Reggiano è stata segnalata una slavina, nel territorio del Comune di Ventasso, in località Ligonchio. Sono in corso verifiche da parte dei Carabinieri forestali, esperti nella rilevazione delle valanghe. Chiusa la strada provinciale n. 18 da Ospitaletto al Passo Pradarena, in zona Riorè. Il Centro Coordinamento Soccorsi, aperto in Prefettura a Reggio Emilia, ha deciso in raccordo con la Provincia, la riapertura della strada non appena saranno ripristinate le condizioni di sicurezza. Il rifugio albergo “Carpe Diem” di Ligonchio non è stato coinvolto dalla caduta della massa nevosa.

Tra ieri e oggi sono stati impegnati più di 200 volontari di protezione civile in attività diverse: sgombero strade, spalatura neve, assistenza ad autotrasportatori ai caselli, con somministrazione di bevande calde. Nel Riminese si registra un intervento puntuale per fornire foraggio ad un allevamento di ovini per raggiungere il quale è necessario l’uso di una turbina messa a disposizione della amministrazione locale per liberare l’accesso.

I Vigili del Fuoco sono intervenuti diffusamente durante la notte, soprattutto in Romagna (dalla provincia di Ravenna sono arrivate la maggior parte delle segnalazioni) e in provincia di Ferrara. Le tipologie di intervento sono sgombero rami e piante, rimozione di ghiaccioli pericolanti, risoluzione di situazioni con camion intraversati.

In totale risultano attivati una trentina di Centri Operativi Comunali in tutta l’Emilia-Romagna. L’Agenzia per la sicurezza territoriale e la Protezione civile attraverso il Centro Operativo Regionale (COR) segue l’evoluzione dei fenomeni, in raccordo con il Centro funzionale di Arpae, le Prefetture, i Carabinieri forestali, le Amministrazioni locali, i Servizi regionale interessati (Geologico, sismico e dei Suoli e Difesa del suolo), gli enti gestori dei servizi pubblici essenziali. Il presidio sul territorio è garantito inoltre attraverso funzionari e tecnici dei Servizi territoriali dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile. Costante il raccordo dell’Agenzia anche con la società autostrade per seguire gli aggiornamenti della viabilità.

L’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, in stretto raccordo con Arpae E-R, seguirà l’evoluzione della situazione; si consiglia di consultare l’Allerta e gli scenari di riferimento sulla piattaforma web: https://allertameteo.regione.emilia-romagna.it.

Azioni sul documento
Pubblicato il 02/03/2018 14:44 — ultima modifica 02/03/2018 14:44
< archiviato sotto: >

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali