Cosa fare in caso di alluvione? In un video tutti i consigli per mettersi al sicuro dall’acqua

Animazioni "common craft" illustrano i comportamenti di autoprotezione da adottare

13.03.2018

Video "Cosa fare in caso di alluvione?"Bologna, 5 marzo 2018 - Prima, durante, dopo un’alluvione o un allagamento. Ci sono comportamenti a tutela della nostra incolumità da adottare per prepararsi, affrontare e superare in tutta sicurezza l’emergenza dell’acqua che invade strade, scantinati e case.

Per promuoverne la conoscenza tra i cittadini, l’Agenzia per la sicurezza territoriale e la Protezione civile ha ideato un breve video di quattro minuti scarsi, destinato alla diffusione sul web. Il filmato è stato realizzato dai videomaker Lorenzo Castiello e Alessandro Pirotti, nell’ambito di un progetto di comunicazione coordinato e promosso dall’Ufficio per le relazioni con il pubblico della Regione Emilia-Romagna ed è il secondo di un set di tre videopillole dedicate alle situazioni di emergenza ("Cosa fare in caso di terremoto" e "Cosa fare in caso di incendio di bosco"). Le animazioni in "common craft" sono chiare ed esplicative e si alternano ad immagini di repertorio, in gran parte fornite dai Vigili del Fuoco.

Il video si apre con la voce narrante di Giancarlo Terzi che definisce il concetto di alluvione nell’accezione più ampia che va oltre l’esondazione di un corso d’acqua: comprende gli allagamenti localizzati in città, la fuoriuscita incontrollata di acqua piovana da tombini e fognature colme, il mare che raggiunge e invade gli stabilimenti balneari ed abbatte le dune a difesa degli abitati costieri.

L’obiettivo del filmato è raccontare quali sono i comportamenti di autoprotezione da adottare nei vari casi in cui l’acqua sale e invade gli spazi vitali.

La voce e le animazioni spiegano che in via preventiva, ci si può preparare raccogliendo informazioni sul grado di rischio della zona in cui abitiamo, sul Piano di emergenza del nostro Comune, su quali sono le aree dove rifugiarsi. E’ utile anche avere un “piano di evacuazione famigliare” con un kit sempre pronto dove conservare copia dei documenti importanti, torcia e medicinali salvavita, nell’eventualità di dovere abbandonare velocemente la propria abitazione. Se la situazione non è estrema conviene però restare a casa e salire ai piani alti, evitando assolutamente di scendere in cantina o garage, anche per mettere al sicuro auto e beni. Può essere importante tralasciare l’uso del telefono in modo da tenere le linee libere per le comunicazioni di soccorso.

Se ci si trova all’aperto, è bene tenersi lontani da ponti, argini e corsi d’acqua, pendii e scarpate dove potrebbero innescarsi delle frane. Ed ancora: con l’auto evitare di imboccare sottopassaggi dove ristagna l’acqua né avventurarsi per strade già inondate. Il rischio è di ritrovarsi intrappolati nel veicolo. Se il mare è agitato e sormonta l’arenile, è fondamentale tenersi alla larga da moli e pontili, dalle strade costiere; è vietata la balneazione e la navigazione. Bisogna poi mettere in sicurezza le imbarcazioni.

Passata l’emergenza, nell’abitazione che è stata invasa dall’acqua, è prudente avere il via libera di tecnici specializzati prima di riallacciare impianti e attrezzature elettriche. Importante anche pulire ciò che è venuto a contatto col fango e buttare alimenti e beni deteriorati.

Il video sull’alluvione è parte integrante di un progetto più ampio di comunicazione pubblica, targato Urp, che correda la sezione del sito dedicata alle domande più frequenti dei cittadini (Faq), con alcuni nuovi video in grado di fornire informazioni snelle su servizi di utilità in chiave divulgativa.

Azioni sul documento
Pubblicato il 13/03/2018 10:10 — ultima modifica 13/03/2018 11:04

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali