Educazione al rischio sismico

Alleanza tra rete di scuole, Ceas, Arpae e Protezione civile

02.02.2018

ResimBologna, 2 febbraio 2018 - Nei locali della mostra sul rischio sismico presso l’Istituto Aldini Valeriani di Bologna, si è svolto il 30 gennaio un incontro con i Centri di educazione alla sostenibilità della Regione Emilia-Romagna (Ceas) per condividere il percorso verso un protocollo d’intesa tra la rete interregionale RESISM – un accordo tra Istituti Superiori di secondo grado per la riduzione del rischio sismico (di cui l’Istituto Aldini Valeriani è capofila) – Arpae e Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile.

Nella prima parte della mattinata è stata sottolineata l’importanza del protocollo d’intesa con una presentazione del dirigente scolastico dell’Istituto Salvatore Grillo, seguito da Paolo Tamburini (Responsabile Area Educazione alla Sostenibilità di Arpae) e da Antonio Beniamino Costantino del Servizio Prevenzione e gestione delle emergenze dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile.

Il protocollo nasce dall’idea che “i temi della sostenibilità, sicurezza e prevenzione sono collegati” introduce Tamburini, per questo l’educazione al rischio sismico vede la collaborazione dei Ceas nell’ambito del programma regionale di educazione alla sostenibilità.

A rafforzare ancora di più l’importanza dell’iniziativa, Costantino cita il nuovo “Codice della protezione civile”, emanato con il Decreto Legislativo n°1 del 2 gennaio 2018, che in particolare all’articolo 2, comma 4 lettere e) ed f), specifica: “Sono attività di  prevenzione  non  strutturale  di  protezione civile quelle concernenti: … e) la diffusione  della conoscenza e della cultura della protezione civile, anche con il  coinvolgimento delle istituzioni scolastiche, allo scopo di promuovere la resilienza delle comunità e l'adozione di comportamenti consapevoli e misure di autoprotezione da parte dei cittadini; f) l'informazione alla popolazione sugli scenari di rischio e le relative norme di comportamento nonché sulla pianificazione di protezione civile …”.

Concludono la prima parte della mattinata – su esperienze già realizzate – due presentazioni di Sonja Marchesi, operatrice del Ceas “La Raganella” Servizio dell’Unione Comuni Modenesi Area Nord, e di Fabio Balboni, docente presso l’Istituto superiore “Galileo Galilei” di Mirandola (MO) e presidente dell’Associazione “Amici del Galilei” con finalità di solidarietà sociale nel settore dell'istruzione attraverso la promozione e valorizzazione del rapporto scuola-lavoro.

Con premessa di Mauro Fava (docente dell’Istituto Aldini Valeriani) sui prossimi sviluppi dell’attrezzatura laboratoriale collegata alla mostra, nella seconda parte della mattinata è stata realizzata un’attività seminariale sul tema del rischio sismico condotta da Giovanni Manieri, collaboratore volontario della rete interregionale RESISM, che ha argomentato l’intersettorialità del tema a partire dalle notizie di sismicità storica, commentate ad esempio nel volume “Viaggio nelle aree sismiche …”- DPC 2007 che è stato fornito in copia ai presenti come strumento di lavoro nei diversi territori, fino agli esperimenti con tavola vibrante didattica su modellini strutturali.

Azioni sul documento
Pubblicato il 02/02/2018 10:00 — ultima modifica 01/02/2018 14:01

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali