lunedì,  17 dicembre 2018

Interventi di manutenzione ordinaria sul Reno. A cura del Servizio Area Reno e Po di Volano.

Sospesi per la stagione invernale i lavori in corso nel comune di Bologna e nel comune di Casalecchio di Reno (BO)

A seguito della piena del fiume Reno del 24 novembre scorso che, per quanto di scarsa intensità, ha rimosso cumuli di materiale presenti sul fiume ridistribuendoli lungo l’alveo e provvedendo così lavori fiume reno via togliattia ridare un aspetto più “naturale” al paesaggio, i tecnici del Servizio Area Reno e Po di Volano dell’Agenzia regionale per la difesa del territorio e la protezione civile – sede di Bologna, hanno deciso di procedere con le ultime sistemazioni all’area di cantiere e di sospendere i lavori in corso in corrispondenza del ponte di Viale Togliatti, in attesa della bella stagione.

 I lavori che sono iniziati nel mese di ottobre hanno lo scopo di ampliare l’alveo inciso del fiume Reno per riattivare una parte di area demaniale sulla sponda sinistra che prima era interessata dalle acque solo in occasione di piene rilevanti. L’intervento permetterà di riattivare la terza luce del ponte sul Reno con la speranza che si mantenga nel tempo a vantaggio anche della golena destra.

 La previsione è di ridurre la capacità erosiva della corrente nei confronti della sponda destra, che presenta soprattutto a valle del ponte di via Togliatti lunghi tratti con pendenze ormai eccessive. In questo modo si potranno garantire anche benefici indiretti alla sicurezza del ponte perché se la sezione di deflusso dell’acqua è maggiore, a parità di portata, ci sarà infatti una minore erosione anche in corrispondenza delle fondazioni del ponte.

 Già un precedente intervento è stato eseguito nella stessa area nell’estate del 2015 quando il restringimento dell’alveo aveva creato l’erosione della sponda destra ormai molto prossima alla strada. In quell’occasione movimentando il materiale è stato possibile restituire funzionalità idraulica ad una luce del ponte che ormai era completamente esclusa dal deflusso delle acque a causa dell’approfondimento dell’alveo in corrispondenza dell’unica luce rimasta attiva.  

 L’intervento eseguito nel 2015 ha permesso di migliorare il deflusso delle acque e di contenere l’avanzamento dei fenomeni erosivi ma essendo stato un intervento leggero con il trascorrere del tempo si è via via perso il benefico effetto ottenuto inizialmente.

 Con la ripresa primaverile del cantiere, sebbene da ottobre ad oggi la maggior parte del lavoro sia già stata svolta, si prevede di operare lo spostamento di circa 50.000 mc di terreno alluvionale dalla sponda sinistra a quella destra per completare l’ampliamento dell’alveo di circa 30 metri in condizioni di magra.

 I lavori progettati e realizzati dai tecnici del Servizio Area Reno e Po di Volano sono stati finanziati per un importo di 115 mila euro della Regione Emilia-Romagna (Leggi  183/89 e 520/93).

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina