Life Primes, presentate le esperienze pilota in provincia di Bologna, Ravenna e Ferrara

Nella cornice del convegno che si è svolto ieri a Bologna

19.06.2018

Life Primes, presentate le esperienze pilota in provincia di Bologna, Ravenna e Ferraraconferenza Primes Networking 2018Bologna, 19 giugno 2018 - Piani civici di adattamento con azioni concrete proposte dai cittadini per rispondere alla sfida del cambiamento climatico, con esercitazioni di protezione civile, evacuazioni e simulazioni. È la sperimentazione avviata dal progetto comunitario Life Primes che, in Emilia-Romagna, coinvolge i comuni di Lugo e Sant’Agata sul Santerno (Ra), Imola e Mordano (Bo) nel bacino del Santerno; Poggio Renatico (Fe) nel bacino del Reno e Lido di Savio in comune di Ravenna per il rischio di ingressione marina. Ieri, a Bologna, si è fatto il punto delle attività, avviate nel 2015 e che si concluderanno entro il 2018.

Le attività del progetto Life Primes si sono svolte attraverso workshop di informazione, sensibilizzazione e formazione sul rischio nelle tre regioni coinvolte: oltre all’Emilia-Romagna, anche Marche e Abruzzo.
Tre sono state le esercitazioni di protezione civile e, con l’attivazione di uno specifico sito web, ogni cittadino dei comuni coinvolti ha potuto presentare le proprie proposte per rendere il territorio più pronto a rispondere ai rischi a cui è esposto: in tutto hanno risposto oltre duemila persone.

Un’attenzione particolare è stata rivolta all’uniformazione delle procedure di allertamento, con la creazione della mappa interregionale delle allerte meteo-idrogeologiche-idrauliche delle Regioni partner e del Manuale per condividere i sistemi di prevenzione e allertamento.

Il commento

“Chi ogni giorno vive e lavora sul territorio- spiega l’assessore regionale alla protezione civile Paola Gazzolo, intervenendo ai lavori - lo conosce a fondo, è portatore di informazioni derivanti dall’esperienza quotidiana fondamentali per la sicurezza delle comunità e può quindi fornire indicazioni, suggerimenti e proposte per affrontare nel modo più efficace ed efficiente i rischi, a fronte delle conseguenze portate dal clima che cambia. Lo prevede – ha aggiunto Gazzolo -  anche il nuovo Codice di Protezione civile: i cittadini devono essere coinvolti nella stesura dei documenti di pianificazione e i Piani Civici sono una prima sperimentazione delle nuove norme”. 

 

“La nostra Regione - ha aggiunto l’assessore regionale- ha rivoluzionato il modo di comunicare l’allerta, rendendolo sempre più diretto, veloce e immediato grazie al portale AllertaMeteo Emilia-Romagna: forti dei passi avanti compiuti, candidiamo questo strumento a livello nazionale. Omogeneizzare le procedure, coinvolgere le comunità per divulgare cultura di autoprotezione e di prevenzione, anche con progetti di partenariato come Primes, è importante perché il cambiamento climatico va oltre i confini amministrativi e per affrontarlo serve un’azione di rete e di sistema”.

Azioni sul documento
Pubblicato il 19/06/2018 11:10 — ultima modifica 19/06/2018 11:07

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali