Nuova Allerta Gialla per criticità idrogeologica, mercoledì 7 marzo

Estesa anche ai bacini delle province di Parma e Piacenza. Monitoraggio e interventi sulla frana di Gaggio Montano (Bo)

06.03.2018

Frana MaranoBologna, 6 marzo 2018 - Sull’intera giornata di mercoledì 7 marzo viene confermata l’Allerta Gialla per frane e per il possibile innalzamento del reticolo idrografico minore (criticità idrogeologica) a causa del concorso delle deboli precipitazioni e dello scioglimento del manto nevoso, situazione che potrebbe innescare locali dissesti sul territorio. Rispetto alla precedente allerta (Zone A, B, C, E ovvero bacini romagnoli ed emiliani centro orientali), viene estesa l’attenzione per le frane anche ai bacini emiliani più occidentali (Province di Parma e Piacenza). L’Allerta, la n.36, è stata emessa dall’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile sulla base del quadro meteorologico elaborato dal Centro funzionale Arpae E-R.

Per la giornata di domani non si prevedono precipitazioni significative a livello di allertamento: le piogge saranno deboli ed intermittenti su tutto il territorio regionale, con accumuli tra 5 e 10 mm in 24 ore; sull'Appennino centro-occidentale la neve potrebbe cadere a quote superiori a 1000 m; localmente già dagli 800 metri.

La situazione meteorologica registra poi vento sulle aree di crinale (con valori compresi tra 50 e 60 Km/h); temperature minime attorno a 0° C sulla pianura e -2° C sulle aree appenniniche; locali formazioni di ghiaccio dove persiste la presenza di neve al suolo; altezza dell'onda marina attorno 1,25 metri.

Dopo la sospensione cautelativa della circolazione ferroviaria sulla linea Bologna -Porretta per l’innalzamento del livello dell’acqua del Reno, prosegue il monitoraggio della frana di Marano, nel Comune di Gaggio Montano da parte dei tecnici dell’Area Reno Po di Volano dell’Agenzia per la sicurezza territoriale e la Protezione civile, dei tecnici comunali e dei volontari. Si sta intervenendo sul posto movimentando terra, massi e materiali franati con ruspe ed escavatori per garantire il deflusso delle acque: l’alveo del fiume si è ristretto a circa tre metri (la larghezza ordinaria in quel punto è di 15 metri). Nei prossimi giorni saranno monitorate costantemente le sezioni idrometriche dei corsi d’acqua che insistono sul bacino interessato dalla frana (Limentra, Silla e Reno); a preoccupare sono eventuali piogge o nevicate su terreni già molto impregnati di acqua, nonché lo scioglimento della neve a monte. Tra sabato 3 marzo e oggi il pluviometro più vicino alla frana (a Riola di Labante) ha registrato circa 65 millimetri di pioggia.

L’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, in stretto raccordo con Arpae E-R, seguirà l’evoluzione della situazione; si consiglia di consultare l’Allerta e gli scenari di riferimento sulla piattaforma web: https://allertameteo.regione.emilia-romagna.it.

Azioni sul documento
Pubblicato il 06/03/2018 12:55 — ultima modifica 06/03/2018 17:14
< archiviato sotto: >

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali