Torrente Quaderna a Medicina: lavori sulla rotta arginale del febbraio 2018

In fase di conclusione i lavori di somma urgenza a cura del Servizio Area Reno e Po di Volano.

15.05.2018

Bologna, 15 maggio 2018 - Si stanno concludendo i lavori Somma Urgenza sulla sponda destra del Torrente Quaderna, Comune di Medicina, tra le località Fiorentina e Sant’Antonio, all’interno del sito IT4050022 SIC – ZPS di rete Natura2000. In questo tratto il Torrente Quaderna è un corso d’acqua pensile: il fondo alveo è ad una quota superiore rispetto al piano campagna; questo comporta che ad ogni piena incomba un’enorme massa d’acqua trattenuta dal solo corpo arginale, generando un rischio per il territorio circostante.

Rotta arginale con fuoriuscita di acqua e fango a lato campagna
Rotta arginale con fuoriuscita di acqua e fango a lato campagna

Il dissesto ha creato una “falla” di alcuni metri di lunghezza nell’opera di difesa in destra idraulica, causando una fuoriuscita idrica/fangosa nei terreni agricoli sottostanti. Tale evento si è presumibilmente verificato a causa del permanere, per alcuni giorni, di elevati livelli idrici con conseguente sollecitazione del corpo arginale, indebolito da tane/cunicoli, creati da animali selvatici molto numerosi nell’area in oggetto.
Al verificarsi dell’evento, il Servizio Area Reno e Po di Volano dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione Civile, ha provveduto immediatamente alla messa in sicurezza dell’argine, mediante la realizzazione di una struttura provvisoria, finalizzata al contenimento dei successivi numerosi eventi di piena.

Struttura provvisoria durante gli eventi di piena
Struttura provvisoria durante gli eventi di piena

Durante i lavori si è rilevata l’esistenza di una fitta rete di gallerie longitudinali e trasversali presenti all’interno del corpo arginale che, con molta probabilità, ha contribuito al cedimento strutturale del rilevato.

 

 

 Fase di scavo durante il ripristino dell’argine con intercettazione di tane trasversali e longitudinali presenti al suo interno 

Immagine 3) Fase di scavo durante il ripristino dell’argine con intercettazione di tane trasversali e longitudinali presenti al suo interno

 

Successivamente, in un periodo meteorologicamente più favorevole, il Servizio ha provveduto al ripristino delle aree interessate dal dissesto, ricostruendo l’intera sezione della struttura arginale crollata.Ripristino e completamento dell'argine collassato

L’ intervento è stato finanziato per un importo complessivo di 100 mila euro, con somme provenienti dal Capitolo di bilancio 2018 “Spese per lavori di Urgenza e Somma Urgenza in caso di pubblica calamità in materia di difesa del suolo e della costa di competenza regionale”.

 

A lato: Immagine 4) Ripristino e completamento dell'argine collassato

Azioni sul documento
Pubblicato il 15/05/2018 10:30 — ultima modifica 16/05/2018 09:38

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali