lunedì,  23 settembre 2019

“Cultura è … Protezione Civile”

Prende avvio a Bologna il programma formativo voluto dal MIUR e dal Dipartimento nazionale di protezione civile, rivolto agli insegnanti

Bologna - Introdurre la materia “Protezione Civile” in tutti i programmi didattici, dalla Scuola dell’Infanzia alla formazione post-laurea: è questo l’obiettivo del Programma di Formazione Nazionale (PFN) di Protezione Civile voluto dal Ministero dell’istruzione, università e ricerca e dal Dipartimento nazionale di protezione civile. Obiettivo del PFN è rafforzare e diffondere una cultura interdisciplinare della sicurezza e della cittadinanza attiva, per una società più resiliente.

MIUR e Dipartimento hanno stabilito che argomenti e modalità didattiche per formare gli insegnanti siano veicolati tramite un insieme di azioni definite a livello regionale, integrando i nuovi temi della sicurezza e della salute negli attuali percorsi didattici.

In Emilia-Romagna, sulla base di una proposta dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, il percorso formativo per gli insegnanti si svilupperà nell’arco di 30 ore, a partire da oggi, con formazione frontale in aula, esperienze di team-work e verifiche pratiche ed attitudinali. La sede è la sala conferenze della Direzione dell’Ufficio Scolastico regionale, a Bologna, in via de’ Castagnoli 1.

La formazione degli insegnanti sarà focalizzata su alcuni temi essenziali: tutela ambientale; percezione, conoscenza e gestione del rischio; auto-tutela (sicurezza individuale e collettiva a scuola, a casa, per la strada, nel territorio, nello sport, nel tempo libero e sul web).

Nella società contemporanea, il rischio è un concetto strettamente connesso alle aspettative umane e alla capacità di predizione/intervento nelle situazioni ignote o incerte. Nel linguaggio comune, il rischio è spesso usato come sinonimo di probabilità di una perdita o di un pericolo/minaccia. L’ambiente scolastico e quello universitario possono rappresentare i luoghi ideali nei quali articolare la cultura della autoprotezione e della sicurezza sociale, affinché nelle nuove generazioni questi concetti siano ben radicati e diventino veri e propri stili di vita.

Con questo PFN ci si propone di realizzare un’omogenea, graduale estensione dei concetti integrati di prevenzione e di sicurezza, predisponendo un itinerario didattico sulla base del quale ciascuna Scuola o Università possa elaborare le proprie ipotesi di intervento, nel rispetto di uno standard minimo nazionale.

L’iniziativa prende il via oggi. Alle 14.00, presso la sala conferenze dell’Ufficio Scolastico regionale prenderanno la parola l’Assessore regionale Paola Gazzolo e il Direttore dell’Agenzia Maurizio Mainetti.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/09/23 14:00:00 GMT+2 ultima modifica 2019-09-23T14:25:49+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina