giovedì,  26 settembre 2019

Al via a Bologna il primo corso di formazione in protezione civile finanziato dalla Regione per sindaci e tecnici degli enti locali

In apertura la lectio magistralis del capo dipartimento nazionale Angelo Borrelli

Bologna – Da 30 a 15 minuti, l’Emilia-Romagna dimezza i tempi di lettura dei dati sulle Corso protezione civile per tecnici comunali (2)precipitazioni da parte di pluviometri e idrometri della rete pluviometrica, grazie a un progetto del Servizio Idro-meteo-clima di Arpae. Fa parte di un programma di attività messe in campo dopo l’alluvione dell'ottobre 2014 nel parmense e completa le innovazioni arrivate con l'introduzione del sistema di allertamento regionale attraverso il portale allerta meteo.

Ne ha parlato oggi l’assessore regionale alla Protezione civile, Paola Gazzolo, all’avvio del primo corso di formazione per amministratori e tecnici degli enti locali in materia di protezione civile promosso e finanziato dalla Regione in collaborazione con Anci Emilia-Romagna che si è aperto con la lectio magistralis di Angelo Borrelli, capo del dipartimento nazionale di Protezione civile.

All’avvio del corso 130 primi cittadini e tecnici dei Comuni emiliano-romagnoli, l’assessore regionale alla Protezione civile, Paola Gazzolo, Belinda Gottardi, sindaco di Castel Maggiore e vicepresidente Anci regionale, Marco Iachetta, coordinatore dell’area protezione civile, Maurizio Mainetti, direttore dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile e Volmer Bonini, presidente del coordinamento regionale del Volontariato di protezione civile.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina