giovedì,  21 novembre 2019

Ancora Allerta Arancione venerdì 22 per criticità Idraulica sulla pianura emiliana orientale e la costa ferrarese

Allerta Gialla per rischio frane e ancora massima attenzione per il lento deflusso sui tratti arginati terminali di Secchia, Panaro e Reno

Bologna - Le previsioni meteo autorizzano a ritenere che nei prossimi giorni il territorio regionale Banner Allerta Arancionenon sarà interessato da piogge consistenti. Dovrebbero verificarsi solo rannuvolamenti e piogge deboli e sparse, in gran parte limitate al crinale appenninico occidentale. Dalle ore serali di venerdì è prevista una intensificazione delle piogge sull’Appennino occidentale, con fenomeni localmente anche a carattere di rovescio.

Proseguono e si accelerano i lavori nel cantiere per ripristinare l’argine sull’Idice.

In tutto il territorio sono in corso sopralluoghi tecnici per verificare le conseguenze delle piene dei giorni scorsi, con schede di rilevazione dei danni che serviranno a sostanziare la richiesta di dichiarazione di stato di emergenza per tutta la regione.

Permangono condizioni di locale criticità moderata sui tratti arginati terminali di Secchia e Panaro per il lento deflusso delle acque, causato dalla contemporanea piena del fiume Po.

Nella zona di allertamento D permangono condizioni di criticità moderata per il lento deflusso della piena del fiume Reno a valle di Opera Reno, e per impossibilità di scarico delle acque del Cavo Napoleonico nel fiume Po.

I livelli idrometrici del Po sono previsti superiori alla soglia 1 (criticità ordinaria) nel tratto relativo alle zone di allertamento F e D tra Borgoforte e Polesella e superiori alla soglia 2 (criticità moderata) nel tratto terminale della zona di allertamento D.

La criticità idrogeologica va riferita alla residua possibilità di attivazione di fenomeni franosi.

Una nuova onda di piena del Po dovrebbe verificarsi nella giornata di sabato, a causa delle piogge previste fra Piemonte e Liguria.

Grazie alle temperature notturne, sta rallentando la consunzione del manto nevoso. Mare mosso ma sotto soglia di allertamento. Temperature stabili, quota neve intorno ai 1800 metri. Per tutti i fenomeni è prevista un’attenuazione nelle successive 48 ore.

È stata emessa una nuova Allerta - la numero 109/2019 – valida per tutta la giornata di venerdì 22 novembre, così dettagliata:

Rischio Idraulico

Codice Arancione sulla zona D (pianura fra Bologna, Ravenna e Ferrara)

Codice Giallo sulla zona F (pianura fra Bologna e Parma).

Rischio Idrogeologico (frane)

Codice Giallo sulle zone C, E, G e H (crinali, collina e pedecollina fra Ravenna e Piacenza; pianura fra Parma e Piacenza).

L’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, in raccordo con Arpae E-R, seguirà l’evoluzione della situazione; si consiglia di consultare l’Allerta e gli scenari di riferimento sulla piattaforma web: https://allertameteo.regione.emilia-romagna.it.

Aggiornamenti sul fiume Po a cura di AIPo

Il livello del Po si mantiene su valori di poco superiori alla soglia 1 di criticità (ordinaria, colore giallo) all'idrometro di Casalmaggiore e ha superato tale soglia nella serata di ieri nelle sezioni di Boretto e Borgoforte. Si prevede che nell'arco delle prossime 24 ore i valori si confermino sul livello 1 di criticità tra Borgoforte e Polesella e sul livello 2 (moderata criticità, colore arancione) nei rami deltizi, a causa della marea.

Il personale AIPo è attivo nelle azioni di monitoraggio e controllo dalla Sala servizio di piena della sede centrale di Parma e sul territorio, in stretto coordinamento con i sistemi di protezione civile regionali e locali.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/11/21 23:55:00 GMT+1 ultima modifica 2019-11-22T10:07:24+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina