mercoledì,  25 settembre 2019

Servizio Civile Nazionale, 12 mesi di attività, il racconto di 4 esperienze in corso a Ferrara

Un impegno volontario, complementare allo studio e propedeutico all’entrata nel mondo del lavoro

Bologna - Nell’ambito del padiglione dell’Agenzia di protezione civile presso Remtech, alla Fiera di Remtech 2018: studenti in visita allo standFerrara, abbiamo incontrato 4 giovani che da alcuni mesi stanno svolgendo il Servizio Civile Nazionale: Asia (21 anni) frequenta Scienze dell’Educazione a Ferrara; Ciprian (27) ha conseguito la laurea in Lingue; Tatiana (28) è laureata in Lettere, e Safa (25) ha il diploma da assistente sociosanitario.

Asia, Ciprian, Tatiana e Safa hanno fatto una scelta che li ha portati a operare in 4 strutture diverse: presso L’Isola del Tesoro, centro famiglie di Ferrara, all’interno del progetto “Con gli occhi dei bambini”; nel piano di digitalizzazione del front office dell’URP del Comune di Ferrara; a Palazzo Bonacossi, una delle sedi del musei civici di arte antica, a curare il Bollettino e la revisione di testi per le mostre; e presso l’associazione badanti Nadiya, che si occupa delle problematiche relative ai servizi socio-sanitari per le badanti e i richiedenti asilo.

Come hanno saputo del Servizio Civile Nazionale? Per caso, o col passaparola. Tutti e 4 hanno ritenuto che questo impegno volontario possa essere complementare allo studio e propedeutico all’entrata nel mondo del lavoro. La motivazione principale diventa quella di applicare concretamente le materie seguite nel percorso scolastico, assumendosi responsabilità dirette e imparando ad auto-organizzarsi. Oltre all’esperienza in sé, che fa curriculum, da questi dodici mesi di attività si aspettano qualche opportunità lavorativa.

L’attività di Asia, Ciprian, Tatiana e Safa si sviluppa su 5 giorni settimane, dal lunedì al venerdì, per 30 ore complessive. All’inizio, ognuno di loro ha seguito corsi di formazione curati dal Coordinamento Provinciale degli Enti di Servizio Civile: sono 45 ore obbligatorie, a cui fa seguito un ulteriore livello formativo dettagliato sul singolo progetto.

Chi è coinvolto nel Servizio Civile Nazionale riceve ogni mese 439,50 euro, erogati dal Dipartimento per le politiche giovanili e il servizio civile universale, a titolo di rimborso spese. I requisiti per iscriversi ai progetti di Servizio Civile sono molto semplici: la cittadinanza italiana e l’età compresa fra i 18 e i 28 anni. La durata dei progetti varia da 8 a 12 mesi. Si può presentare domanda per un solo progetto, consegnandola direttamente all’Ente proponente.

La Regione Emilia-Romagna riconosceva il valore del servizio civile volontario ancora prima di approvare la L.R. 20/2003. La Regione rappresenta il punto di raccordo tra il livello nazionale e quello locale, e decide di creare un sistema di sostegno e promozione a livello provinciale, istituendo i Co.Pr.E.S.C (Coordinamenti Provinciali degli Enti di Servizio Civile). La legge 20/03 istituisce, inoltre, il servizio civile regionale, esteso a tutte le fasce della popolazione ed aperto a nuove categorie di volontari: ragazzi e ragazze tra i 15 e i 18 anni, giovani stranieri tra i 18 e i 29 anni, volontari con più di 28 anni.

Per ulteriori informazioni: www.serviziocivile.it; su Ferrara, una delle fonti più utili è l’Informagiovani, dove sono raggruppati tutti i progetti attivi (oggi, 146 posti disponibili nella provincia ferrarese). Altri link utili: www.aifo.it; www.africamission.org; www.amicideipopoli.org; www.odcpace.org; www.caritasreggiana.org; www.iboitalia.org; www.reggioterzomondo.org

Link Legge Regionale 20/2003 - http://www.serviziocivile.cittametropolitana.bo.it/Engine/RAServeFile.php/f/Copresc/LR_ER_n_20_2003.pdf

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/09/25 09:38:59 GMT+2 ultima modifica 2019-09-25T09:38:59+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina