martedì,  31 marzo 2020

All’ospedale di Piacenza installati dai volontari di protezione civile i moduli per distribuzione DPI

Alla data del 27 marzo scesi in campo 580 volontari piacentini

Piacenza - Continua senza sosta l’attività dei volontari piacentini in questa fase di emergenza Coronavirus.

Foto_2_Ospdale_PiacenzaI volontari sono scesi in campo da subito, coordinati dal Servizio Area Affluenti Po dell’Agenzia di Protezione civile della Regione Emilia-Romagna, a supporto di molteplici attività in particolare sanitarie e socio-assistenziali.

Tra le ultime attività svolte in campo sanitario, mercoledì 25 marzo  presso il plesso ospedaliero di Piacenza un gruppo di volontari ha provveduto all'allestimento di due moduli ISO20 per la distribuzione dei dispositivi di protezione individuale (DPI), necessari ai vari reparti. I moduli sono stati posizionati di fronte alla farmacia dell'edificio 6 nei pressi della Neurologia, vecchio ospedale con ingresso da via Campagna n. 2, al fine di evitare assembramenti nella farmacia ospedaliera.

In questo fine settimana, il 28 e 29 marzo i volontari hanno provveduto ad installare tre condizionatori refrigeranti presso le tende predisposte dalla Croce Rossa Italiana. Sono tende ad uso obitorio, in quanto è emersa la necessità di ampliare l’area a servizio del cimitero di Piacenza, a causa Foto_1_Ospedale_Piacenzadell’incremento dei decessi. Si tratta di tre condizionatori, ritirati sabato a Bologna, necessari al mantenimento dell’idonea temperatura delle salme. A tale scopo nei prossimi giorni sarà ritirato a Reggio Emilia anche un container refrigerato donato da un privato cittadino, a supporto dell’emergenza sanitaria legata al Covid-19.

 Nei giorni precedenti, oltre all’attività di coordinamento con l’Esercito italiano nella realizzazione dell’ospedale militare da campo in via XXIV Maggio a Piacenza, i volontari hanno concluso l’allestimento logistico del centro di quarantena nella base militare di San Polo a Podenzano dell’Aeronautica militare.

Si tratta di una struttura idonea ad ospitare le persone che non possono svolgere il periodo di isolamento nel proprio domicilio. A tale scopo sono state predisposte due palazzine dell’esercito  pronte a ricevere oltre settanta cittadini. I volontari della Protezione Civile con la Croce Rossa hanno concluso l’installazione di presidi medici avanzati, bagni, spogliatoi e altre strutture esterne con funzione di servizi per gli operatori sanitari. La struttura è a disposizione della AUSL di Piacenza che quando lo riterrà necessario potrà attivare con il proprio personale. L’area è collegata all’ex 50esimo stormo dell’Aeronautica.

Alla data di venerdì 27 marzo, oltre al personale dell’Agenzia regionale Sicurezza territoriale del Servizio Area Affluenti Po (sede di Piacenza), sono stati impiegati 580 volontari di Protezione civile.

Fin dalle prime fasi dell’emergenza i volontari sono impiegati quotidianamente in molteplici attività, dal supporto logistico di strutture sanitarie all’attività di sanificazione e disinfezione delle ambulanze del 118. Sono impegnati anche in compiti di trasporto di materiali e personale sanitario, di telecomunicazioni, segreteria, mansioni di elettricista e falegnameria. Prosegue incessantemente, anche grazie al volontariato, la distribuzione di mascherine “Montrasio” ai Comuni del territorio piacentino.

Inoltre viene mantenuta l’attività a supporto degli Enti locali, nei centri di comando di livello comunale (COC), nell’informazione alla popolazione, nel monitoraggio di aree pubbliche e nella consegna domiciliare a persone anziane e sole.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina