giovedì,  10 ottobre 2019

La Protezione civile emiliano-romagnola in visita negli Stati Uniti e in Croazia

I viaggi si svolgono nell’ambito di progetti di formazione e scambi internazionali di esperienze nel settore della gestione delle emergenze

Bologna – Un sistema da esportare. Tra ottobre e novembre 2019 la Protezione civile emiliano-Astrid Franceschetti e Marco Brunelli in Sala multirischioromagnola è “un’eccellenza da export”. Sono due le occasioni di confronto tra l’Agenzia della nostra regione e analoghe strutture di Paesi esteri, prima fra tutte la statunitense FEMA, l’Ente federale americano per la gestione delle emergenze ovvero l’Agenzia governativa che svolge funzione di protezione civile.

Nell’ambito di un accordo di cooperazione scientifica e tecnologica tra l’Italia e gli Stati Uniti, patrocinato dal Dipartimento nazionale, dal 20 ottobre al 2 novembre 2019 si svolgerà una serie di incontri tra personale esperto italiano ed americano per mettere a confronto le rispettive procedure, le organizzazioni e le competenze, i diversi sistemi di allertamento e di intervento in emergenza. Della delegazione italiana, formata da otto tecnici tra personale del Dipartimento nazionale e delle Regioni (rappresentate da Emilia-Romagna e Valle D'Aosta) fa parte anche la collega dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile Astrid Franceschetti che porterà l’esperienza emiliano-romagnola – in particolare il nostro sistema di allertamento - a San Francisco e Sacramento (California), a Portland (Oregon) e a Wahington DC.

Al centro del confronto internazionale sono le strategie dei due paesi nel fronteggiare il rischio sismico, gli tsunami, le eruzioni vulcaniche, le alluvioni e gli incendi boschivi. I tecnici italiani entreranno in contatto con i principali enti deputati alla gestione delle emergenze nei due Stati federali della California (come il “California Office of Emergency Services” e la “California National Guard”) e dell’Oregon; visiteranno i luoghi devastati dai vasti roghi del novembre 2018 a Paradise, in California (85 morti e 620 km2 bruciati), per poi concludere la visita con una tavola rotonda sui disastri naturali e la cooperazione internazionale presso il Dipartimento di Stato a Washington DC e la condivisione di conoscenze con i rappresentanti della FEMA (Federal Emergency Management Agency). Lo scambio di esperienze si concluderà con una visita al Pentagono.

La collega Franceschetti rappresenterà l’Emilia-Romagna anche a Zagabria, nell’ambito del programma di formazione per esperti in gestione del rischio ai fini di Protezione civile in ambito europeo. Il corso introduttivo ai meccanismi di protezione civile dell'Ue (“Union Civil Protection Mechanism Introduction Course”) è in programma dal 13 al 18 ottobre nella città croata. E' organizzato dal Dipartimento nazionale della Protezione civile italiana in collaborazione con il Ministero dell’Interno della Repubblica croata, la Regione austriaca del Tirolo, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa e la Scuola internazionale di alta formazione di Volterra: l'obiettivo è lavorare per la creazione di un sistema coordinato delle protezioni civili europee. I temi che verranno trattati vanno dalle emergenze ambientali alle metodologie di gestione dei vari tipi di rischio, fino agli aspetti logistici e mediatici connessi all’affrontare le calamità. La formazione si concluderà con una esercitazione.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/10/10 09:58:26 GMT+2 ultima modifica 2019-10-10T09:58:26+02:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina