venerdì,  8 febbraio 2019

Argine del Santerno: avviati lavori urgenti in zona Bastia vecchia

Interventi nel comune di Lugo (RA) a seguire: lavori di pulizia e chiusura delle tane e una cassa di espansione

Il Servizio Area Reno e Po di Volano dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, sede di Bologna, ha avviato lavori urgenti lungo l’argine del Santerno in via Bastia vecchia.santerno 7.jpg

Si tratta di lavori di manutenzione che erano in programma ma che sono stati anticipati per motivi di sicurezza in seguito alla pioggia e alla piena dei giorni scorsi, un intervento solo di prevenzione.

Attualmente la sicurezza idraulica è assicurata, ma visti gli alti livelli raggiunti dal fiume nei giorni scorsi i tecnici del Servizio Area Reno hanno preferito intervenire subito con lavori di sfalcio e di pulizia dell’argine per evitare problemi.

Dai sopralluoghi effettuati in questi giorni sono stati infatti riscontrati lungo il tratto di pianura del Santerno frane golenali e numerosi alberi abbattuti, quindi come ha precisato, Claudio Miccoli, Responsabile del Servizio Area reno e Po di Volano, gli interventi in corso hanno l’obiettivo di aumentare la capacità di deflusso dell’acqua di effettuare la pulizia oltre a sistemare i tratti franati lungo gli argini.

Tuttavia portare a compimento tutti gli interventi necessari alla sicurezza lungo gli argini del fiume per stare in tranquillità, ha aggiunto Miccoli, è una necessità dovuta perché legmame in alveo.jpgi fenomeni che si verificano, definiti straordinari, sono ormai la normalità.

Nel Santerno e in particolare nella zona di San Prospero dove il fiume ha superato gli argini allagando terreni e lambendo un’abitazione il problema, per i tecnici, è dovuto dalla presenza di tane di animali: si tratta prevalentemente di istrici, tassi anche volpi oltre che nutrie.

Gli animali scavano tane che vanno da una parte all’altra dell’argine, ha sottolineato ancora Miccoli, generando pericolosità assoluta perché la tenuta si riduce di molto in caso di fenomeni importanti come quello della scorsa settimana.santerno 1.jpg

Nella zona verrà avviato un progetto di sistemazione definitiva dell’area, che attualmente non è attrezzata come una cassa di espansione ma in futuro lo sarà, ha concluso Miccoli.

La Regione Emilia-Romagna metterà a disposizione circa un miliardo di euro per la sicurezza idraulica nel territorio regionale di cui 600 mila circa per la sicurezza idraulica del Santerno.

 

dalla stampa locale: articolo (pdf, 381.4 KB)

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina