giovedì,  7 novembre 2019

Sisma Centro-Italia, a Montegallo una nuova scuola dall’anima reggiana

Sarà ricostruita grazie alle donazioni raccolte

Reggio Emilia - La scuola elementare e dell’infanzia “Giuseppe Maria Rizzi” a Montegallo rinasce Progetto ricostruzione scuola Montegallo 1grazie alla Provincia di Reggio Emilia che si occuperà dell’appalto dei lavori in uno dei tanti comuni marchigiani martoriati dai terremoti in Centro Italia registratisi tra l’agosto 2016 ed il gennaio 2017.

Il presidente della Provincia di Reggio Emilia, Giorgio Zanni, e il sindaco di Montegallo Sergio Fabiani hanno infatti sottoscritto una convenzione per proseguire la collaborazione già avviata, anche nella fase della gara di appalto. Al di là dell’aiuto tecnico-amministrativo che, esaurita la fase della progettazione, proseguirà ora anche nell’assegnazione dei lavori (la Provincia fungerà da stazione appaltante), alla base del progetto c’è principalmente la generosità dei tanti cittadini, imprese, associazioni e Comuni reggiani che nel 2016 avevano raccolto l’invito alla solidarietà lanciato dalla Provincia. Nel dicembre 2017 il sindaco Fabiani aveva ricevuto i 365.000 euro raccolti grazie alle donazioni della comunità reggiana. A queste risorse il Comitato dei garanti ha aggiunto 250.000 euro provenienti dalle donazioni nazionali via sms così da rendere possibile la ricostruzione delle nuove elementari di Montegallo, un edificio antisismico con una funzionalità non solo scolastica. La Provincia ha poi seguito sia la fase dell’appalto che della progettazione e dello studio di fattibilità, aggiudicato e già ultimato dallo Studio tecnico Gruppo Marche di Macerata. Nelle scorse settimane il Comune di Montegallo ha approvato il progetto esecutivo sulla base del quale la Provincia di Reggio Emilia, da stazione unica appaltante, potrà ora procedere a bandire la gara per i lavori.

La nuova scuola elementare di Montegallo costerà 615.000 euro, sorgerà in località Balzo e comprenderà, in circa 400 metri quadrati di superficie, un’agorà comune, 2 aule normali destinate alla scuola elementare (una multiclasse per il primo ciclo ed una per il secondo ciclo), 1 aula per il Centro ricreativo per l’infanzia, 2 aule speciali (una palestrina adatta ad ospitare anche la popolazione extra scolastica e un’aula polifunzionale per attività laboratoriali scientifiche ed artistiche), aule all’aperto e orti didattici. Sarà una struttura in cemento armato accompagnata da coperture in legno, con travi a vista. L’edificio bello ma anche sicuro, catalogato in classe d'uso IV, potrà rappresentare anche un punto di riferimento per la cittadinanza in caso di emergenza.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/11/07 11:30:23 GMT+1 ultima modifica 2019-11-07T11:30:23+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina