Contributi al volontariato: pubblicati gli indirizzi di priorità per la valutazione dei progetti

Le organizzazioni di volontariato li possono presentare entro il 31 dicembre 2017

07.12.2017

Volontari Coordinamento RiminiBologna, 6 dicembre 2017 - Dal sito del Dipartimento della Protezione civile pubblichiamo la notizia relativa agli indirizzi di priorità, relativi all'annualità 2017, per la valutazione dei progetti presentati dalle organizzazioni di volontariato di protezione civile finanziabili attraverso specifici contributi. Gli indirizzi di priorità tengono conto della ripartizione degli stanziamenti nelle quote nazionale, regionale e locale.

Quota nazionale. Gli indirizzi di priorità per i progetti di potenziamento delle attrezzature e dei mezzi presentati dalle associazioni iscritte nell'elenco centrale sono:

1. Il completamento dei moduli della Colonna Mobile con particolare attenzione alle attività previste nell’ambito del Programma Nazionale di Soccorso per il Rischio Sismico;
2. Il perfezionamento delle capacità operative delle Squadre di Pronto Impiego;

Per i progetti sul miglioramento della preparazione tecnica dei volontari gli indirizzi riguardano:
1. la formazione in materia di gestione comunitaria delle aree di accoglienza, con particolare riguardi agli aspetti legati alla multiculturalità;
2. la formazione in materia di sicurezza operativa dei volontari.

Quota regionale. Gli Indirizzi di priorità per i progetti presentati dalle organizzazioni iscritte negli Elenchi Territoriali, che intendono partecipare a questa quota, sono:

1. il potenziamento della capacità operativa delle Colonne Mobili delle Regioni mediante l’acquisto di attrezzature e mezzi;
2. l’acquisto di dotazioni di protezione individuale per la sicurezza dei volontari;
3. il miglioramento qualitativo della preparazione tecnica dei volontari mediante lo svolgimento di pratiche di addestramento e di ogni altra attività a carattere formativo.

Quota locale. Gli Indirizzi di priorità per i progetti presentati dalle organizzazioni iscritte negli Elenchi Territoriali, che intendono partecipare a questa quota, sono:

1. il supporto al piano di emergenza comunale o sovracomunale, volto a potenziare la capacità di risposta della struttura comunale in relazione ad almeno uno dei rischi presenti sul territorio, in coerenza con quanto previsto dalla Direttiva del 3 dicembre 2008 “indirizzi operativi per la gestione delle emergenze”;
2. la tutela e attenzione alle fasce deboli (anziani, persone con disabilità, minori) potenziando la capacità di assistenza alla popolazione vulnerabile, con particolare riferimento alle attività atte a rafforzare nelle aree di attesa e nelle aree di ricovero della popolazione le strutture afferenti alla tutela dell’infanzia e della disabilità;
3. Progetti che afferiscono a Comuni che gestiscono il servizio di protezione civile in unione di Comuni o comunque in forma associata.

Per ulteriori approfondimenti sulla modalità di presentazione della domanda e l'erogazione dei contributi è possibile consultare i "Criteri per la concessione dei contributi per il finanziamento di progetti presentati dalle Organizzazioni di Volontariato nel triennio 2016-2018".

Azioni sul documento
Pubblicato il 07/12/2017 14:58 — ultima modifica 07/12/2017 14:58
< archiviato sotto: >

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali