Maltempo: un milione 800mila euro per una trentina di interventi diffusi

Importante lo stanziamento a Ravenna per i danni da vento, grandinate e temporali dell’estate 2017

28.11.2017

lavori in corso - foto genericaBologna, 28 novembre 2017 – La Regione investe un milione 800mila euro per le urgenze più pressanti dell’Emilia-Romagna: in totale 29 interventi distribuiti nei territori di 24 Comuni di tutte nove le province. Destinatari delle risorse regionali – in parte stanziate direttamente dall’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile ed in parte trasferite dal bilancio della Regione – sono i Comuni dell’Emilia-Romagna, dove si sono verificati danneggiamenti di varia natura a causa di una serie di eventi meteorologici estremi dal 2014 in poi, compresi i più recenti episodi di maltempo estivo del 2017, dalla tempesta di vento dello scorso 29 giugno che ha colpito soprattutto l’area est dell’Emilia-Romagna, Ravenna e Ferrara in primis, ai forti temporali dell’11, 24-25 e 29 luglio sparsi su larga parte della regione fino alle precipitazioni del 6 e 10 agosto. Si tratta sia di interventi ancora da intraprendere, sia di lavori già avviati o conclusi per i quali i Comuni avevano anticipato le risorse e delle quali vengono ora rimborsati.

Dei complessivi un milione 800mila euro, 246mila sono destinati a cinque interventi in quattro Comuni del Piacentino , (Ferriere, Ottone, Pontenure e Coli), 210mila euro a otto interventi in altrettanti Comuni del Parmense (Bedonia, Berceto, Calestano, Fontevivo, Monchio delle Corti, Sala Baganza, Salsomaggiore e Terenzo), 38mila euro per due interventi nel Reggiano (a Casina e Ventasso), 75mila euro a Sestola, in provincia di Modena, 50mila euro su due cantieri a Casalfiumanese in provincia di Bologna, 17mila euro ad un’urgenza a Ferrara, 910mila euro nel Ravennate (Ravenna e Casola Val Senio), 92mila euro a Roncofreddo in provincia di Forlì-Cesena, 169mila euro per cinque interventi in quattro Comuni del Riminese (Casteldeci, Novafeltria, Pennabilli e San Leo).

La maggior parte dei danni a cui gli interventi finanziati con la recente delibera intendono porre rimedio sono conseguenze di rischi derivanti da fenomeni meteorologici intensi (vento, “downburst”, grandinate, rovesci temporaleschi) e di rischi di natura idrogeologica e idraulica (piene di fiumi e di corsi d’acqua minori, alluvioni, allagamenti, frane e dissesti), tutti comunque oggetto di allertamento da parte dell’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile.

In linea generale sono finanziati: consolidamenti e manutenzione di argini, ripristino di tratti viabili e carreggiate, sfalcio di piante ed alberi che ostruiscono corsi d’acqua o a rischio caduta, rimozione e smaltimento di rami e vegetazione divelta dalle tempeste di vento (in particolare a Ravenna città, sui lidi e nelle pinete con un rilevante stanziamento di 600mila euro), sistemazione di tetti, coperture o recinzioni di edifici pubblici, ugualmente danneggiate dalle raffiche (altri 300mila euro al Comune di Ravenna), messa in sicurezza di frane o massi pericolanti.

Azioni sul documento
Pubblicato il 28/11/2017 10:26 — ultima modifica 28/11/2017 10:26

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali