Vento e mare al largo, prolungata l'Allerta Gialla fino alle 8.00 di venerdì

Sono interessate le zone costiere e le pianure orientali

19.04.2017

Manica a ventoBologna, 19 aprile 2017 - E' stata prolungata la validità dell'Allerta Gialla per Vento e Stato del Mare fino alle 8.00 di venerdì 21 aprile. Sulla base dei dati previsionali del Centro funzionale Arpae E-R che vedono proseguire i rinforzi di vento sulla costa emiliano-romagnola e le condizioni di mare molto mosso sul nostro Adriatico, l’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile ha allertato oggi i territori delle macroaree D e B per altre 24 ore rispetto all'emissione di ieri, ovvero dalle 8.00 di giovedì 20 aprile fino alle 8.00 di venerdì 21.

Continua dunque la Fase di Attenzione per le due macro-aree, che corrispondono alla pianura di Forlì e Ravenna e alla pianura di Bologna e Ferrara e che comprendono anche l'intero litorale emiliano-romagnolo

Dalle previsioni meteo si ricava che persistono i venti nord-orientali al largo e sulla fascia costiera, che produrranno mare molto mosso soprattutto nella nottata tra giovedì 20 e venerdì 21 aprile. L’intensità del vento è prevista intorno ai 60 km/h con raffiche fino a 70-80 km/h.

La Fase di Attenzione è valida anche per lo stato del mare al largo: previste onde di altezza compresa fra 1,8 e 2,5 metri.

Potranno verificarsi cadute di rami e alberi, di pali, segnaletica stradale e pubblicitaria, e anche danni alle strutture di pertinenza delle abitazioni (tettoie, pergolati, eccetera), agli impianti o infrastrutture di tipo provvisorio (tensostrutture, installazioni per iniziative commerciali e culturali), nonché agli stabilimenti balneari.

Anche la circolazione stradale potrà subire gli effetti di questi fenomeni, per la presenza di oggetti di varia natura trasportati dal vento, e per l’impatto del vento su mezzi telonati, roulotte e caravan. È possibile la sospensione dei servizi di erogazione di fornitura elettrica e telefonica, a seguito di danni eventualmente occorsi alle linee aeree. Inoltre, potranno essere sommersi i moli, le banchine portuali e le dighe foranee.

L’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, in stretto raccordo con Arpae E-R, seguirà l’evoluzione dei fenomeni e comunicherà tempestivamente ogni eventuale sviluppo negativo.

Azioni sul documento
Pubblicato il 19/04/2017 13:40 — ultima modifica 19/04/2017 13:49
< archiviato sotto: >

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali