Ultimati i lavori nel canale Baganzale a Parma

Importante intervento progettato e diretto dai tecnici del Servizio Area Affluenti Po

Parma, 31 agosto 2017 - L'11 luglio scorso sono stati ufficialmente ultimati i lavori di ripristino della sezione di deflusso del canale Baganzale nel Comune di Parma.

I lavori, finanziati per un importo complessivo di 200.000 euro,  sono stati eseguiti, sotto la Direzione dei lavori dell’ingegnere Giammarco Di Dio, con grande rapidità, essendo stati consegnati ufficialmente alla ditta appaltatrice Morani Srl,  il 14 marzo scorso e realizzati in 120 giorni, nel pieno rispetto dei tempi contrattuali.

Si tratta del primo lavoro concluso facente parte dell’insieme di 11 interventi inseriti nel Piano degli interventi di recupero connessi agli eventi calamitosi verificatisi nel periodo dal 9 ottobre al 18 novembre 2014 e finanziati con il contributo del Fondo di Solidarietà dell’Unione Europea, per l’importo complessivo di 1.800.000 Euro.

Tutti questi interventi sono stati progettati e diretti  dal Servizio Area Affluenti del Po dell’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile, il cui responsabile è l’ingegnere Francesco Capuano: consistono in manutenzione, opere di riparazione  per il ripristino di opere idrauliche danneggiate dagli eventi calamitosi dell'autunno 2014, in gran parte nel bacino del Parma-Baganza, e sono finalizzati a migliorare le condizioni delle opere idrauliche e la funzionalità dei corsi d’acqua, riducendo il rischio di esondazione e di pericolosità in caso di eventi di piena. 

In particolare per l’intervento in oggetto le opere realizzate consistono nella costruzione, in adiacenza alla Strada Statale della Cisa (via La Spezia),  di un nuovo tratto di canale Baganzale tombinato, in sostituzione di un tronco già intubato e passante in una proprietà privata con un diametro di 80 cm.

Il diametro ridotto del tubo era all’origine degli intasamenti che ricorrevano durante gli eventi di pioggia intensa, durante i quali il canale sopporta il massimo deflusso idrico e il massimo trasporto di materiale flottante e in sospensione, con potenziali effetti di rigurgito all’imbocco del tubo, e di interessamento di un tratto di via La Spezia e di alcune abitazioni poste in adiacenza.

Il nuovo tratto di canale è stato realizzato con elementi prefabbricati in cemento armato a sezione rettangolare 2 x 2 metri (interni) ed è totalmente ispezionabile, per una sua agevole manutenzione.

Azioni sul documento
Pubblicato il 31/08/2017 15:33 — ultima modifica 31/08/2017 15:33

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali