Interventi di messa in sicurezza

2012 maggio - Terremoto in Emilia-Romagna

Il 20 e 29 maggio 2012 l’Emilia ha tremato, lasciando un segno indelebile nel cuore della comunità, nel tessuto sociale ed economico del territorio.

Alle ore 4.03 di domenica 20 maggio il primo sisma, di magnitudo pari a 5.9 gradi della scala Richter e con profondità di 6,3 km. Hanno fatto seguito, nella stessa giornata, ulteriori scosse di magnitudo elevata (2 di magnitudo superiore a 5, altre 12 di magnitudo superiore a 4 e ulteriori 32 superiori a magnitudo 3). Alle ore 9 di martedì 29 maggio un secondo terremoto di magnitudo pari a 5.8 gradi Richter e profondità 10 km, con epicentro localizzato più a ovest rispetto al precedente. Sisma 2012 - Mirabello IIL’area maggiormente colpita complessivamente dai due eventi sismici è stata la porzione settentrionale della Pia­nura Padana emiliana compresa tra le province di Reg­gio Emilia, Modena, Ferrara e Bologna.

Gli eventi sismici hanno interessato un’area di grandi dimensioni e densamente popolata. Il ‘cratere’, la zona intorno agli epicentri, ha riguardato 58 comuni nelle province di Modena, Reggio Emilia, Bologna, Ferrara.

Nel complesso, a seguito del sisma, 19.000 famiglie hanno lasciato le proprie abitazioni, 16.000 persone sono state assistite dalla protezione civile,  14.000 le case danneggiate, sono state stimate 13 mila ttività produttive danneggiate e 1.500 edifici pubblici e strutture socio sanitarie lesionate.

L'Emilia ha subito rialzato la testa. Istituzioni, imprese e cittadini hanno fatto fronte comune per ricominciare, con dignità.

Report

Report di sintesi delle politiche di governo regionale e delle attività fatte a sostegno della ripresa nelle zone colpite dal sisma

Atti e provvedimenti nazionali e regionali

  • Dipartimento nazionale della Protezione Civile
    Consulta i provvedimenti e le attività intraprese a livello nazionale
  • Dopo il terremoto
    Sito della Regione Emilia-Romagna per consultare tutti gli atti, le ordinanze e le notizie utili per cittadini e imprese sulla ricostruzione e i provvedimenti contenuti nel "Piano Casa"

 

Contributi per i nuclei familiari sgomberati


Disciplina relativa al contributo per l'autonoma sistemazione (CAS)
riconosciuto fino al 30 giugno 2015

Disciplina relativa al contributo per il canone di locazione (CCL) e al contributo per il disagio abitativo temporaneo (CDA)
riconosciuti a decorrere dal 1 luglio 2015

Contabilità speciali

 

 

Per i cittadini

Il terremoto è un fenomeno naturale che non è possibile prevedere ma da cui ci si può difendere assumendo comportamenti adeguati.

 

 

Comunicati stampa

Azioni sul documento

pubblicato il 2014/03/25 12:05:00 GMT+1 ultima modifica 2018-04-06T14:04:00+01:00

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina