Principali fatti ed eventi

fatti
Alunni della scuola di Montegallo

Anno 2016

A maggio nasce l’Agenzia per la sicurezza territoriale e la Protezione civile. La struttura arriva a contare circa 500 collaboratori, acquisendo personale da ex Province e Stb. La seconda metà dell’anno è segnata dall’impegno in Centro Italia, in soccorso alle popolazioni colpite dagli eventi sismici di agosto e ottobre. L’Emilia-Romagna è attivata sulle Marche.

Anno 2015

A febbraio una eccezionale ondata di maltempo investe la costa con onde e raffiche di vento mai registrate. Nasce “Starp”: la gestione informatizzata dei dati delle organizzazioni di volontariato. A settembre le esondazioni di Nure e Trebbia mettono in ginocchio il piacentino e il parmense

Anno 2014

La rottura dell'argine destro del fiume Secchia nel modenese in gennaio e la grande mobilitazione per la settimana regionale della protezione civile prima dell'estate

tromba d'aria nel bolognese

Anno 2013

Diffuse ondate di maltempo colpiscono la Regione in primavera. Entra negli annali il nubifragio di giugno a Rimini. A novembre viene istituito l'Elenco regionale del volontariato di protezione civile

Dai cittadini

Anno 2012

Le grandi nevicate in Romagna tra gennaio e febbraio e gli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 in Emilia: l'emergenza, l'assistenza e la grande solidarietà.

gestione emergenza profughi

Anno 2011

Tiene banco l'emergenza profughi dal Nord Africa. L'Emilia-Romagna accoglie uomini, donne e bambini, applicando un modello che prevede l'ospitalità diffusa a livello territoriale. In autunno scatta il piano anticrisi idrica in Romagna

intervento dei volontari su incendio di bosco

Anno 2010

Si chiude in marzo l'emergenza ambientale causata dallo sversamento di idrocarburi nel Lambro e nel Po, in estate scatta il piano organizzativo per la lotta agli incendi di bosco e terminano a Monzuno i lavori di messa in sicurezza del territorio colpito da una vasta frana

Il campo di accoglienza all'Aquila

Anno 2009

Il terremoto in Abruzzo del 6 aprile, la nuova convenzione con il Corpo Forestale e l'accordo con le Ferrovie dello Stato per interventi coordinati in situazioni di emergenza; il viadotto sulla Fondovalle Dolo nel modenese inaugurato a novembre, dopo mesi di interruzione causati da una imponente frana

le Porte Vinciane a Cesenatico

Anno 2008

A Faenza si inaugura il Polo della sicurezza che raduna le forze del sistema di protezione civile, a giugno diventa operativo il piano di interventi per il nodo idraulico di Cervia e Cesenatico; il 28 dicembre una scossa di terremoto colpisce le province di Modena, Parma e Reggio Emilia

La colonna mobile regionale

Anno 2007

In febbraio a Roma viene approvato il progetto della colonna mobile nazionale delle Regioni, in luglio la crisi idrica viene fronteggiata con due piani di protezione civile, a novembre una eccezionale ondata di maltempo colpisce il parmense

la missione per il popolo Saharawi

Anno 2006

In primo piano, la missione nei campi profughi Saharawi in Nord africa, il piano regionale per fronteggiare l'epidemia da influenza aviaria, la riapertura della strada Fondovalle Savena e l'incidente di Monterenzio nel bolognese

Messa in sicurezza delle Gole di Scascoli nel bolognese

Anno 2005

L'anno inizia con l'approvazione della legge di riforma della protezione civile regionale e l'incidente ferroviario di Crevalcore, nel bolognese; l'autunno è caratterizzato da numerosi eventi di piena e dissesti idrogeologici

intervento congiunto in emergenza

Anno 2004

Imponenti frane mettono a rischio i luoghi matildici nel reggiano, colpiti in particolare Canossa e Rossena, per la prima volta le componenti del sistema protezione civile siglano un protocollo per la gestione comune delle emergenze, a Riccione seminario del volontariato di protezione civile

volontari al lavoro

Anno 2003

Due terremoti, a gennaio nel forlivese ed a settembre sull'Appennino bolognese; a luglio storica crisi idrica fronteggiata con unità di intervento e piani di protezione civile

alluvione

Anno 2002

Il maltempo colpisce a maggio la costa e in novembre l'Emilia con una nuova piena del Po, la protezione civile regionale interviene in Molise per aiutare la popolazione colpita dal sisma

Il centro Unificato di Parma

Anno 2001

A Parma si inaugura il primo centro Unificato provinciale di protezione civile, a luglio una tromba d'aria colpisce il ferrarese e a ottobre l'Alta Val Trebbia è colpita da un violento nubifragio

alluvione

Anno 2000

E' l'anno dell'Alluvione del Po e dei numerosi dissesti in Appennino

Azioni sul documento

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali