Anno 2013

Diffuse ondate di maltempo colpiscono la Regione in primavera. Entra negli annali il nubifragio di giugno a Rimini. A novembre viene istituito l'Elenco regionale del volontariato di protezione civile
Anno 2013

tromba d'aria nel bolognese

Marzo - Una giornata per dire grazie.  Sabato 9 marzo la Regione organizza a Bologna un’iniziativa per manifestare a tutti i volontari e agli operatori del sistema nazionale e regionale di protezione civile la stima e il ringraziamento delle istituzioni per chi si è messo all’opera subito dopo il sisma del maggio scorso. Oltre 4000 i volontari presenti al Pala Dozza con il Presidente della Regione  Vasco Errani e il Capo Dipartimento nazionale della protezione civile Franco Gabrielli.

Marzo Aprile - Una diffusa e prolungata ondata di maltempo colpisce la Regione, circa 2000 le segnalazioni di danno pervenute, 300 di natura idraulica e 1500 relative a dissesti (126 le persone evacuate, 43 civili abitazioni distrutte o danneggiate, 3 ponti crollati, 56 interruzioni totali di strade senza alternative, 138 località/abitazioni isolate). Intervengono circa  700 volontari, con più di 120 mezzi operativi e con attrezzature specialistiche della Colonna Mobile regionale di protezione civile (circa 30 kit emergenza idraulica con pompe e torri faro, gruppi elettrogeni, motopompe, teli e sacchi con insacchettatrici), in supporto alle amministrazioni provinciali, ai Sindaci e alle strutture operative preposte al servizio di piena per attività di intervento specialistico, monitoraggio degli argini e delle frane, presidio e assistenza alla popolazione.

La gravità della situazione determina la richiesta di dichiarazione di stato di emergenza inoltrata il 5 aprile al Governo dal Presidente della Regione Vasco Errani.

Maggio - Il 3 maggio un eccezionale sistema temporalesco colpisce con grandine e trombe d’aria la pianura bolognese e modenese, 119 le persone evacuate.

Il 27 maggio 2013 Il Capo Dipartimento Prefetto Franco Gabrielli approva l'Ordinanza n. 83: "Primi interventi urgenti di protezione civile in conseguenza delle eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nei mesi di marzo e aprile 2013 ed il giorno 3 maggio 2013 nei comuni del territorio della regione Emilia-Romagna." Il Direttore dell'Agenzia Maurizio Mainetti è stato nominato Commissario delegato per l'emergenza maltempo e frane.

Giugno - Il 25 giugno un eccezionale nubifragio colpisce la provincia di Rimini, con allagamenti di strade, sottopassi e abitazioni(oltre 150 i mm di pioggia caduti in 2 ore nel capoluogo). Al lavoro 30 squadre di volontari di protezione civile a fianco di Vigili del Fuoco e forze dell’Ordine.

Luglio - Diventa esecutivo il Piano dei primi interventi urgenti di protezione civile per la messa in sicurezza dei territori colpiti dall’eccezionale maltempo dei mesi di marzo, aprile e dalla tromba d’aria del 3 maggio 2013. Si possono dare avvio ai lavori più urgenti programmati nei Comuni che nei mesi scorsi si trovarono ad affrontare l’emergenza maltempo causa di numerosi e diffusi dissesti idraulici, idrogeologici e molti danni a persone e cose. Il piano autorizza 24 milioni di euro per 606 interventi urgenti

Ottobre  - Quarantatre interventi di messa in sicurezza del territorio e prevenzione del dissesto, per un totale di 4,4 milioni di euro. Questo il contenuto dell’ordinanza firmata dal presidente della Regione Vasco Errani, con la quale sono assegnati a 35 comuni nuovi finanziamenti statali per i danni provocati dal maltempo nei mesi di ottobre e novembre 2012 nelle province di Modena, Reggio Emilia, Parma e Piacenza. Una prima assegnazione di risorse, pari a 2,2 milioni di euro era stata fatta in agosto.

Novembre  - Nasce l’Elenco regionale del volontariato di protezione civile: dal 1 novembre, le organizzazioni di volontariato dell’Emilia-Romagna posso presentare domanda per essere iscritte nella lista, in base a quanto previsto dalla normativa nazionale. L’obiettivo è avere un censimento chiaro e aggiornato delle associazioni autorizzate ad operare e dei volontari che le compongono. L’Elenco è articolato in una sezione regionale e nove provinciali.

Azioni sul documento
Pubblicato il 23/06/2014 18:25 — ultima modifica 13/10/2014 23:07

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali