Anno 2014

La rottura dell'argine destro del fiume Secchia nel modenese in gennaio e la grande mobilitazione per la settimana regionale della protezione civile prima dell'estate

Gennaio  - Il 19 gennaio la rottura dell’argine destro del fiume Secchia nel Comune di Bastiglia località San Matteo, provoca l’allagamento di vaste porzioni di territorio a nord del capoluogo. Per dare assistenza alla popolazione l’Agenzia regionale di protezione civile, in accordo con Prefettura ed Enti locali, attiva 300 volontari e 50 mezzi operativi a supporto dei Comuni o in affiancamento alle strutture tecniche. Dai centri logistici della protezione civile a Bologna e Ferrara arrivano mezzi e materiali e di pronto intervento idraulico, soprattutto idrovore per consentire le operazioni di drenaggio delle acque.

Il 31 gennaio il Consiglio dei Ministri dà il via libera alla dichiarazione di stato di emergenza nazionale e stanzia contestualmente 11 milioni di Euro per frane e interventi urgenti.

Febbraio  - Una nuova ondata di maltempo, con  vento e piogge intense colpisce tutto il territorio regionale, in particolare la Provincia di Modena già interessata dagli eventi alluvionali del mese di gennaio. La protezione civile regionale  attiva il Centro Operativo in H24 in raccordo con Arpa, Servizi tecnici di bacino, Aipo, Prefetture, Comuni, Province e volontariato ed emette numerose allerte di preallarme piena per molti fiumi e corsi d’acqua e di attenzione per rischio idraulico ed idrogeologico;   oltre 200 le segnalazioni di frane e dissesti.

Maggio giugno - Oltre 70 eventi in tutte le province dell'Emilia-Romagna caratterizzano la "settimana regionale della protezione civile" una iniziativa nata da una risoluzione approvata dall'Assemblea legislativa regionale. Obiettivo: diffondere la cultura di protezione civile, la consapevolezza dei rischi sul proprio territorio e dare uno strumento in più ai cittadini per adottare comportamenti di autoprotezione.  

Settembre - Tra il 20 e il 23 una forte ondata di maltempo colpisce l'imolese e la Romagna provocando piene di fiumi e corsi d'acqua minori e allagamenti diffusi

Ottobre - Tra il 13 e il 14 la piena dei fiumi Parma e Baganza causa diffusi allagamenti nel parmense. Forti piogge colpiscono i territori appenninici provocando frane e dissesti

 

Azioni sul documento
Pubblicato il 23/06/2014 18:25 — ultima modifica 20/10/2014 14:06

Agenzia di Protezione Civile Regione Emilia-Romagna- Cod fiscale 91278030373

Viale Silvani 6, 40122 Bologna - tel. +39 051 527 44 04 - fax +39 051 558 545

email: procivsegr@regione.emilia-romagna.it , ​procivsegr@postacert.regione.emilia-romagna.it

Regione Emilia-Romagna (CF 800.625.903.79) - Viale Aldo Moro 52, 40127 Bologna - Centralino: 051.5271

Ufficio Relazioni con il Pubblico: Numero Verde URP: 800 66.22.00, urp@regione.emilia-romagna.it, urp@postacert.regione.emilia-romagna.it

Strumenti personali