lunedì,  20 luglio 2020

Avviati i lavori di ripristino della funzionalità idraulica nel bacino del Nure

Intervento da 280mila euro finanziato dal Piano Proteggi Italia 2020

Piacenza - E’ stato avviato nei giorni scorsi un intervento di ripristino della funzionalità Foto_1_Nureidraulica nel bacino del torrente Nure, attuato dal Servizio Area Affluenti Po per un importo di 280mila euro, finanziato dal Piano Nazionale Proteggi Italia 2020.

Fa parte degli otto interventi finanziati nel Piacentino da questo Piano Nazionale, tutti appaltati dal Servizio Area Affluenti Po nelle scorse settimane, per un totale di 4.540.000 euro, che si sommano ai 15 interventi finanziati per il territorio reggiano.

Responsabile del procedimento di tutti gli interventi è Francesco Capuano, ingegnere a capo del Servizio.

Il Piano attuato contempla gli interventi finalizzati alla mitigazione del dissesto idrogeologico e per la messa in sicurezza del territori del Piacentino e del Reggiano, approvati dal decreto n. 40 del 18 marzo 2020 del Presidente Bonaccini e rivolti al ripristino dei danni causati dagli eventi metereologici avvenuti nei mesi di dicembre 2017, e nei mesi di febbraio, marzo, ottobre e novembre 2018, inseriti nelle ordinanze del Capo Dipartimento della Protezione civile n. 503, 533 e 558 del 2018.

Foto_2_NureI lavori, previsti nei Comuni di Farini e Ferriere, sono stati consegnati nei giorni scorsi all’Impresa aggiudicataria Pizzasegola Discoride s.r.l. con sede a Rivergaro (Pc). Sono finalizzati al ripristino della regimazione idraulica del corso d’acqua principale e secondari nel bacino del Torrente Nure, attraverso l’integrazione ed il completamento delle opere idrauliche danneggiate da diversi eventi alluvionali.

A presidio della sponda destra a valle del Ponte della Strada provincial n. 654 è prevista la realizzazione di un’opera idraulica, da eseguirsi mediante "mantellata" di pietrame intasato con calcestruzzo, due metri di fondazione e tre metri in elevazione. L’opera, avente sviluppo di circa 220 metri e compresa fra le soglie esistenti, andrà a sostituire le opere idrauliche realizzate in passato e distrutte dalla piena del settembre 2015. Sarà, inoltre, realizzata la risagomatura del tratto di alveo in questione.

Sul torrente Rossana saranno eseguite opere di manutenzione, attraverso la realizzazione di  soglie e rampe in pietrame intasato con calcestruzzo.

Invece, in località Bocchie, frazione di Farini, situata pochi chilometri a monte del capoluogo, sarà eseguita la risagomatura del tratto di alveo.

Il progetto è stato redatto dai funzionari tecnici della sede di Piacenza del Servizio Area Affluenti Po: gli ingegneriGianluca Rossi e Roberto Carlotti, l'architetto Pierluigi Bianchini che hanno garantito, nonostante l’emergenza Coronavirus, la tempestività della progettazione, aspetto fondamentale data la perentoria scadenza del prossimo 1 settembre fissata dal Piano, pena la perdita dei relativi finanziamenti. Gli stessi progettisti Rossi e Bianchini sono incaricati della direzione lavori.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina