venerdì,  14 agosto 2020

Bacino del Tidone: in corso i lavori di regimazione idraulica

Altro intervento nel Piacentino finanziato dal Piano Proteggi Italia 2020

Piacenza - Sono in corso di esecuzione nel territorio Piacentino i lavori nel bacino del torrente Tidone, per un importo da 150.000 euro finanziato dal Piano Proteggi Italia. Fa parte infatti degli 8 interventi Tidone_1finanziati nel Piacentino da questo Piano Nazionale, tutti appaltati dal Servizio Area Affluenti Po nelle scorse settimane, per un totale di 4.540.000 euro, che si sommano ai 15 interventi finanziati per il territorio reggiano.

Responsabile del procedimento di tutti gli interventi è il Responsabile del Servizio, ing. Francesco Capuano.

Il Piano attuato dal Servizio contempla gli interventi finalizzati alla mitigazione del dissesto idrogeologico e per la messa in sicurezza del territori del Piacentino e del Reggiano, approvati  dal decreto n. 40 del 18/03/2020 del Presidente Bonaccini e  rivolti al ripristino  dei danni causati  dagli eventi metereologici avvenuti nei mesi di  dicembre 2017,  e nei mesi di febbraio, marzo,  ottobre, novembre 2018, inseriti nelle Ordinanze del Capo Dipartimento della  Protezione Civile N. 503/2018  e 533/2018 e 558/2018.

Questo intervento è finalizzato al ripristino ed al  completamento delle opere idrauliche danneggiate, nell’alveo del torrente Tidone ed affluenti  nei comuni di Pianello Val Tidone ed Alta Val Tidone.

Il progetto prevede interventi negli affluenti del Tidone nelle seguenti località:

  • A Piozzano Capoluogo,  nel torrente Luretta è previsto  un intervento di risezionamento  dell’alveo torrente a con movimentazione materiale litoide, demolizione e rifacimento di gaveta in c.a. di briglia in gabbioni, sistemazione della confluenza del rio del Molino con il torrente Luretta;
  • A Nibbiano, comune Alta Val Tidone, si interverrà  nel torrente Tidone alla confluenza con il rio Basilio: sarà implementata la  difesa spondale in massi ciclopici, con risezionamento.
  • In località Mottaziana si interverrà nel  torrente Tidone in corrispondenza di area a monte e a valle del ponte relativo alla provinciale per Borgonovo Val Tidone.  I lavori consisteranno nel risezionamento del torrente con movimentazione del materiale a monte in sponda destra al fine di colmare una zona soggetta a fenomeno erosivo, mentre a valle si procederà con il risezionamento del tratto oggetto di elevate quantità di materiale alluvionato.
  • In località Campremoldo Sotto  saranno realizzate opere di  risezionamento, con spostamento di materiale lapideo in sponda destra e taglio di vegetazione spontanea sugli argini.

 Oltre ai corsi d’acqua affluenti del Tidone, saranno eseguiti interventi accessori corsi d’acqua secondari non tributari del torrente Tidone.

Tidone_2Nel Rio Carona, in corrispondenza dell’attraversamento sulla comunale tra Borgonovo V.T. e Seminò, si eseguirà il risezionamento del torrente a monte e a valle del ponte e realizzazione di scogliera in sponda sinistra al fine di limitare l’azione erosiva del corso d’acqua, mentre a Sarmato Capoluogo sarà relizzato il risezionamento e la  pulizia da vegetazione spontanea del rio Corniolo località Mammalucca.

In questi ultimi giorni  sono state eseguite diverse  opere di ripristino e di integrazione della difesa spondale in sinistra del rio Basilio, in confluenza con il torrente Tidone a fronte dell’abitato di Nibbiano.

In questa località, durante i vari eventi di piena, erano stati provocati danni in corrispondenza della sponda sinistra del torrente Tidone.

Tidone_3Si è quindi proceduto al ripristino della scogliera esistente e al prolungamento della stessa al fine di  “accompagnare” il deflusso delle acque, limitando in questo modo fenomeni erosivi che minacciavano le infrastrutture presenti in sponda sinistra in corrispondenza dell’abitato di Nibbiano. Si è quindi proceduto alla movimentazione di materiale lapideo in accumulo in confluenza distribuendolo in zone di sponda in cui si evidenziavano fenomeni erosivi.

La progettazione e la direzione lavori   è eseguita dai funzionari tecnici della sede di Piacenza del Servizio Area Affluenti Po, ing. Daniele Perazzi e sig. Mario Callegari,  che hanno garantito, nonostante l’emergenza Coronavirus, la tempestività della progettazione, aspetto fondamentale data la perentoria scadenza del prossimo 1 settembre fissata dal Piano, pena la perdita dei relativi finanziamenti.

L’Impresa  esecutrice è la ditta Edilgiemme con sede a Bobbio (PC).

 

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina