lunedì,  31 agosto 2020

Incendi di bosco: Bollettino giallo dal 3 al 9 settembre

Prosegue lo “stato di attenzione” in Emilia-Romagna

Bollettino AIB giallo 2020Bologna – Rimane giallo il codice di pericolosità per incendi su tutta la regione, a seguito delle valutazioni emerse dal tavolo dei rappresentanti dell’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile, di Arpae-ER, della direzione regionale dei Vigili del Fuoco e del comando regionale Carabinieri Forestale, riunitosi lunedì 31 agosto in videoconferenza.

L'ultima perturbazione infatti ha portato piogge anche sui territori dell'area romagnola, contribuendo a migliorare la situazione degli indici di suscettibilità di una zona che quest'anno ha fatto registrare una grave situazione di siccitosità, paragonabile soltanto  a quella del 2012.

Permane comunque alta l'attenzione, con due squadre boschive dei Vigili del fuoco che si aggiungono alle 9 provinciali e che sono dislocate sul territorio romagnolo.

Spento anche l'incendio di Casola Valsenio, che rappresenta tuttora il più grave episodio della stagione AIB 2020.

I partecipanti hanno condiviso di confermare nel frattempo lo “stato di attenzione” per gli incendi boschivi (corrispondente al Codice Giallo per il Bollettino di informazione ai cittadini) fino a mercoledì 9 settembre.

La situazione sarà rivalutata martedì 8 settembre, anche se appaiono fin d'ora segnali di un cambiamento significativo del quadro meteo che faranno molto probabilmente riconsiderare favorevolmente il quadro della pericolosità incendi.

Il Bollettino Numero 14/2020, corrispondente allo scenario di rischio medio, resterà in vigore fino alla mezzanotte del 9 settembre.

Ai cittadini, si raccomanda di gestire con la massima cautela gli abbruciamenti di stoppie, legname e altri residui vegetali durante i lavori agricoli e forestali; sono vietati gli abbruciamenti in presenza di vento, ed è comunque preferibile limitarsi alle prime ore della giornata. Il Regolamento Forestale regionale, all’articolo 58, dispone che “l’abbruciamento controllato del materiale vegetale di risulta dei lavori forestali e agricoli (…) deve terminare entro le quarantotto ore successive al momento in cui viene dato l’avviso, il terreno su cui si effettua l’abbruciamento deve essere circoscritto e isolato con mezzi efficaci ad arrestare il propagarsi del fuoco, si deve procedere (…) in assenza di vento e in giornate particolarmente umide (…), raggruppando il materiale in piccoli cumuli”.

L’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile ricorda che prima di procedere ad abbruciamenti, è obbligatorio darne comunicazione ai Vigili del Fuoco.

Numero Verde: 800841051.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina