mercoledì,  15 luglio 2020

Piano di attività e consuntivo del primo semestre 2020 del Servizio Area Affluenti Po

Dopo il grande impegno nell’emergenza COVID19, appaltati 51 interventi per oltre 10 milioni di euro nel solo primo semestre 2020, compresi tutti gli interventi del Piano Proteggi Italia 2020

Reggio Emilia - Giovedì 9 luglio Francesco Capuano, responsabile del Servizio Area Affluenti Po, in videoconferenza con tutto il personale delle sedi del Servizio, ha presentato Lavori_REl’aggiornamento del Piano delle attività ed il consuntivo dell’attività svolta dal Servizio nel primo semestre  2020. 

Capuano ha illustrato ai propri collaboratori i vari obiettivi del Servizio in fase di attuazione a partire dal contributo volto al raggiungimento degli obiettivi di Direzione dell’Agenzia, aggiornati a fine maggio 2020 anche a seguito del periodo post- emergenza Coronavirus.

Tra i principali obiettivi del Servizio, sono stati richiamati l’omogeneizzazione delle procedure relative agli affidamenti dei lavori pubblici, le attività ed interventi di prevenzione di difesa del suolo e la gestione delle emergenze regionali e nazionali con la partecipazione alla gestione dell’emergenza sanitaria Covid19.

La circostanza della presentazione del PdA nei primi giorni di luglio, a semestre appena concluso, ha consentito di tracciare un rapido consuntivo di metà anno, soffermandosi sul lavoro svolto principalmente in materia di protezione civile e di lavori pubblici. Si è così descritta in sintesi l’attività svolta dai collaboratori nel coordinamento del volontariato periodo di emergenza Covid19 ed Flasfmob_REa supporto della popolazione e delle strutture sanitarie, l’allestimento logistico degli ospedali da campo, il supporto logistico di strutture sanitarie, di trasporto, di segreteria, di consegna domiciliare la distribuzione di mascherine e dpi, il trasporto e l’accoglienza di medici, i flashmob davanti agli ospedali, ecc.

Ha inoltre sottolineato che, nonostante il periodo di emergenza Coronavirus, nel primo semestre di quest'anno il Servizio Area Affluenti Po ha proseguito ininterrottamente l’attività in materia di progettazione ed affidamento dei lavori pubblici.

Sono stati appaltati dal Servizio 51 lavori, così suddivisi nelle varie sedi: 25 appalti a Reggio Emilia, 24 a Piacenza e 2 a Parma.

Di particolare rilievo la conclusione degli appalti e la contrattualizzazione in corso dei 23 interventi finanziati dal Piano nazionale Proteggi Italia, per un importo totale di 6.790.000 euro. Si tratta di otto interventi nel territorio piacentino, per complessivi 2.250.000 euro, e di 15 interventi nel reggiano, per un totale di 4.540.000 euro, finanziati dal Piano Proteggi Italia, che contempla interventi finalizzati alla mitigazione del dissesto idrogeologico e per la messa in sicurezza del territori del Piacentino e del Reggiano, approvati dal decreto n. 40 del 18 marzo 2020 del Presidente Bonaccini e finalizzati al ripristino dei danni causati dagli eventi metereologici avvenuti nei mesi di dicembre 2017, e nei mesi di febbraio, marzo, ottobre, novembre 2018, inseriti nelle ordinanze del Capo Dipartimento della Protezione civile n. 503, 533 e 558 del 2018.

Tutti i progetti sono stati redatti dai funzionari tecnici del Servizio Area Affluenti Po, che hanno garantito, nonostante l’emergenza Coronavirus, la tempestività della progettazione, aspetto fondamentale data la perentoria scadenza del prossimo 1 settembre fissata dal Piano, pena la perdita dei relativi finanziamenti.

Tutti gli otto interventi previsti nel piacentino stati contrattualizzati, mentre in questi giorni si perfezionerà la firma del contratto dei 15 interventi del reggiano, in diversi casi già concretamente avviati.  

Il Responsabile del  Procedimento di tutti gli interventi è Francesco Capuano, ingegnere responsabile del Servizio.

L’attività amministrativa connessa alle liquidazioni, oltre che agli appalti ed ai contratti,  complessivamente coordinata dalla collega Laura Iannelli e gestita prevalentemente, negli ultimi mesi, con forme di lavoro agile, è stata mantenuta pienamente operativa, anche per corrispondere alle esigenze delle Imprese. Nel primo  semestre del 2020 l'entità dei pagamenti alle imprese risulta complessivamente pari a 3.917.271,52 euro, valore che non mostra flessione rispetto ai dati degli ultimi due anni, e non ha subito rallentamenti per effetto delle restrizioni di mobilità e di operatività per l'emergenza Covid19.   

Francesco Capuano al termine dell’incontro ha ringraziato i collaboratori del Servizio per l’attività svolta, in particolare durante l’emergenza Coronavirus, richiamando l’impegno che attende il Servizio nel prossimo semestre, in conformità agli obiettivi di direzione ed alla necessità di mantenere forte impegno sia ai fini della permanenza delle tematiche connesse all’emergenza COVID19 che a quelle dell’avanzamento dei lavori e delle diverse attività del Servizio.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina