mercoledì,  1 dicembre 2021

A Bore, sull’Appennino parmense, riapre la strada che porta alla chiesa neoclassica di San Maurizio Martire

I lavori, finanziati con 120mila euro di fondi contro il dissesto idrogeologico assegnati dalla Regione, sono stati realizzati dall'Agenzia

Bologna – La cura del territorio e di chi lo abita. Sull’Appennino parmense torna a essere accessibile la Bonaccini a Borestrada che porta alla Chiesa neoclassica di San Maurizio Martire, posta sulla cima della Rocca Ofiolitica di Pozzolo, frazione del Comune di Bore (Pr).

Sono infatti terminati i lavori per la messa in sicurezza dell’arteria comunale Villa Conti chiusa nel 2018 a seguito del deterioramento della parete rocciosa sovrastante le case e le abitazioni del paese.

I lavori sono stati realizzati dall’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile e finanziati con 120mila euro di risorse assegnate dalla Regione Emilia-Romagna nell’ambito della programmazione dei contributi nazionali contro il dissesto idrogeologico.

All'inaugurazione della strada erano presenti il sindaco di Bore, Diego Giusti, e il presidente della Regione, Stefano Bonaccini.

I lavori

Dopo il disgaggio manuale, ovvero distacco, dei massi pericolanti da parte di una squadra di rocciatori esperti, sono stati collocati tiranti e, in alcuni tratti, anche reti metalliche paramassi. La Chiesa di san Maurizio Martire non è mai stata chiusa ma l’intervento consente di nuovo l’accesso ai veicoli meccanici e, quindi, anche alle persone con diverse abilità.

Azioni sul documento

ultima modifica 2022-08-12T10:07:23+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina