giovedì,  11 febbraio 2021

Città Metropolitana di Bologna, intervento urgente sul Canale Navile

Partono i lavori di somma urgenza per la messa in sicurezza dell’alveo del Canale Navile: dal ponte di via Matteotti a Castel Maggiore fino all’impianto del Canale Diversivo Navile, a Bentivoglio. Costo dell’intervento 50 mila euro.

L’Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile (Servizio Sicurezza Territoriale e Protezione Civile di Bologna), ha sottoscritto l’affidamento urgente alla ditta Massoni P&M di Capannori (LU), per l’avvio immediato dei lavori di messa in sicurezza dell’alveo del Canale Navile, a partire dal ponte di via Matteotti, in località Castello (Comune di Castel Maggiore) per finire all’impianto del Canale Diversivo Navile (Comune di Bentivoglio).

Si rende necessario intervenire tempestivamente a seguito delle recenti e perduranti precipitazioni occorse per periodo compreso fra lo scorso dicembre e il mese di gennaio di quest’anno, che hanno sortito due eventi di piena rilevanti nel Bacino del Fiume Reno, interessando anche il sottobacino del Navile-Savena Abbandonato e il Canale Navile.

Canale Navile, nel Bolognese, ramificazioni crollate sull'alveo occludono il regolare deflusso dell'acquaI lavori consistono nella rimozione di tutte le alberature cadute nell’alveo del Canale Navile, comprese quelle a rischio crollo o che si trovano in un precario stato fitosanitario, e nella rimozione delle alberature cresciute all’interno dell’alveo e sulle sponde normalmente bagnate durante gli eventi di piena ordinaria.

Intervenire lungo questo tratto di canale permetterà anche di riprofilare le sponde nel tratto appena a valle del ponte di via Matteotti per una lunghezza di circa 200 metri verso valle (ove si evidenzia lo smottamento), oltre a bonificare altre sponde erose verificabili solo in sede di intervento.

I lavori si svolgeranno con l’impiego di mezzi meccanici posizionati sul lato est del canale e con maestranze impiegate nel taglio manuale delle piante sul lato ovest del canale.

Canale Navile, nel Bolognese, un albero divelto a rischio crollo sull'alveoPer ragioni di incolumità pubblica e sicurezza urbana sarà necessario inibire al transito ciclo-pedonale il percorso demaniale presente lungo la sponda ovest del Canale Navile, da Castel Maggiore (in località Castello) a Bentivoglio (via Ringhiera). A tal proposito, nei prossimi giorni l’impresa incaricata provvederà a predisporre idonea segnaletica di cantiere nei pressi dei due accessi.

La durata dei lavori è stimata in sessanta giorni e solo ad intervento concluso il percorso ciclo-pedonale sarà riaperto ai fruitori.

Indubbiamente il taglio della vegetazione risulterà piuttosto intenso per quanto già sottolineato. Oltre al mero recupero degli alberi già caduti si procederà appunto alla rimozione degli esemplari cresciuti all’interno del corso d’acqua e sulle sponde normalmente bagnate durante piene del fiume. Tuttavia, tali lavorazioni sono indispensabili per tutelare e salvaguardare il territorio in quanto le numerose piante presenti all’interno dell’alveo si stanno gradualmente rovesciando creando pericolosi restringimenti ed occlusioni del corso d’acqua, che nel caso di prossime piene potrebbe esondare.

I tagli saranno comunque completati entro metà marzo per rispettare il periodo di nidificazione dell’avifauna. Infatti, dopo tale periodo l’intervento proseguirà esclusivamente con eventuali tagli mirati di esemplari isolati, con il recupero di piante in alveo e con la sistemazione delle sponde arginali.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina