venerdì,  18 giugno 2021

Torrente Enza, parte il cantiere da 1,3 milioni per migliorare il deflusso delle acque tra i ponti di Montecchio Emilia e di San Polo

La presentazione del progetto a Traversetolo, le opere finanziate dalla Regione e curate da Aipo. Sopralluoghi dell'assessore Priolo sul Baganza

Bologna - Partono i lavori per la riqualificazione morfologica lungo il fiume Enza tra il ponte di San Presentazione Priolo progetto fiume Enza a TraversetoloPolo d’Enza e quello di Montecchio Emilia. Serviranno per migliorare la capacità di laminazione naturale del corso d’acqua – ovvero restituirgli spazi per le sue acque che in passato gli erano stati sottratti dall'uomo -, in un tratto privo di arginature e in un contesto dall’elevato valore naturalistico e scarsamente abitato. Le opere, finanziate dalla Regione con 1 milione 300 mila euro e realizzate a cura di Aipo, si concluderanno nell’arco di sei mesi. 
I lavori sono stati illustrati questa mattina a Traversetolo (Pr), dall’assessore regionale alla Difesa del suolo e presidente dell’Agenzia interregionale del fiume Po, Irene Priolo, assessore, insieme al segretario dell’Autorità di bacino distrettuale del fiume Po, Meuccio Berselli, al sindaco, Simone Dall’Orto e ai primi cittadini di Montechiarugolo, Daniele Friggeri, Montecchio Emilia, Fausto Torelli e San Polo d’Enza, Franco Palù

Sono previsti: la riattivazione di canali secondari all’interno dell’alveo; il ripristino e la sistemazione dei profili spondali più esposti all’erosione attraverso il riutilizzo del materiale di scavo; il prolungamento di un pennello esistente in massi - struttura in massi ciclopici per ridurre impatto delle piene -, in sponda sinistra all’altezza dell’Area naturalistica di Cronovilla; il completamento dell’intervento in corrispondenza dell’Ippodromo di Monteghiarugolo (dove nel 2020 è stata realizzata la riapertura del canale secondario in destra), col ripristino della sponda sinistra in erosione e il taglio della vegetazione
Tre i Comuni con zone interessate dalle opere: Traversetolo, nell’area di Cronovilla ossia il tratto di fiume Enza lungo circa 3 km posto a valle del capoluogo; l’area di Tortiano, in comune di Montechiarugolo; area a monte del ponte della SP28, al confine tra i comuni di Montechiarugolo e Montecchio Emilia. 

Il dettaglio dei lavori di riqualificazione dell’Enza 
Nello specifico, a Cronovilla si prevede l’apertura di 6 canali secondari. Due serviranno a fiume Enza traversa di Cedogno (RE)deviare i flussi idrici attualmente convogliati verso la sponda sinistra che negli ultimi eventi di piena hanno generato una progressiva erosione del rilevato tra l’alveo dell’Enza e la zona umida adiacente. Parte del materiale di scavo dei canali verrà utilizzato per la ricostruzione di due tratti di sponda sinistra in erosione, rispettivamente di 130 e 170 metri. La parte restante sarà posta a valle della traversa del ponte di San Polo d’Enza per permettere alla corrente fluviale di svolgere un naturale rimodellamento e ripascimento dell’alveo di valle. 
Poiché gli interventi previsti rientrano parzialmente all’interno di un sito Natura 2000 e in particolare nell’area ZSC-ZPS, sono stati adottati particolari accorgimenti per salvaguardare gli aspetti ambientali e naturalistici soprattutto in relazione alle modalità di taglio della vegetazione, applicando le direttive della Regione Emilia-Romagna.  
A Tortiano (Montechiarugolo) sarà aperto un canale secondario rispetto all’attuale andamento dell’alveo di magra per allontanare la corrente dalla sponda sinistra, interessata da erosione. Con questo intervento viene completata la riqualificazione morfologica del tratto fluviale a valle del ponte di San Polo d’Enza, operando sui tratti più critici. 
A Montecchio (Re) si completerà un intervento realizzato nel 2020 nel tratto dell’Enza posto subito a monte del ponte tra Montechiarugolo e Montecchio, con l’escavazione dei canali secondari e il taglio della vegetazione in alveo. Le opere già realizzate saranno adeguate con la sistemazione delle sezioni del canale secondario e la movimentazione dei materiali depositati nelle piene di dicembre 2020 e gennaio 2021.

le opere sul Baganza tra Felino e Sala
Nei Comuni di Sala Baganza e Felino la Regione ha programmato 7 cantieri lungo l’asta del Baganza per 1 milione 365 mila euro, con l’obiettivo di proseguire gli interventi di messa in sicurezza del territorio. 
La parte più consistente dei lavori riguarda le quattro opere in capo all’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile per un totale 1 milione 250 mila euro. 
Rilevante l’intervento in corso di esecuzione a Felino, per la difesa dell'abitato del capoluogo e della frazione di San Michele Gatti: dal valore di 550 mila euro, ha raggiunto uno stato di avanzamento del 70%. 
Nello stesso Comune, è di prossimo avvio il ripristino della sezione di deflusso dei rii Castello, Silano, S. Ilario e rii vari presso la località Gallignana. Un investimento dal valore di 150.000 euro. Altri 300 mila euro riguardano invece le opere di difesa spondale sul torrente Baganza in località Castellaro, che risultano in fase di appalto.  
L'Agenzia sta infine progettando lavori per 250 mila euro, finanziati con fondi di protezione civile nel 2021, relativi al terzo stralcio della messa in sicurezza nel bacino del torrente Baganza tra Felino e Parma. 

Azioni sul documento

ultima modifica 2021-06-18T15:27:07+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina