martedì,  19 ottobre 2021

Comacchio (FE), Esercitazione ricerca persone scomparse

Simulazione della scomparsa di una persona anziana affetta da demenza senile. Messo in pratica il Piano provinciale per la ricerca di persone scomparse recentemente aggiornato. In azione oltre 70 volontari di Protezione civile di Ferrara

Ferrara - Cinque lunghi giorni di esercitazioni. È successo nel Ferrarese grazie all’iniziativa coordinata dalla Prefettura di Ferrara in sinergia con gli organi preposti ad attivare uno stato di emergenza nel caso di scomparsa di persona.

L’esercitazione - in questo caso simulata nel territorio del Comune di Comacchio dove si è ipotizzata la scomparsa di un uomo anziano affetto da demenza senile - è servita a testare il Piano provinciale per la ricerca di persone scomparse, aggiornato al 2021 alla luce delle nuove Linee guida formulate dal Commissario Straordinario del Governo per la ricerca delle Persone Scomparse.

Comacchio (FE), esercitazione: il gazebo dei Vigili del fuocoSi è partiti dal briefing in Prefettura presieduto dallo stesso Commissario straordinario del Governo, Silvana Riccio, e dal prefetto di Ferrara Michele Campanaro. Come avviene in questi casi, contestualmente si è attivato il coordinamento tra i diversi enti e le associazioni coinvolti nelle ricerche, all’interno del Centro Coordinamento Ricerche (COR) della Prefettura UTG di Ferrara e direttamente sul campo, presso il Comune di Comacchio (Lido degli Estensi e Lido di Spina).

Vediamo in sintesi i passaggi salienti oggetto dell’esercitazione di Comacchio, che riguardava - come si è detto - la scomparsa di una persona anziana affetta da demenza senile/morbo di Alzheimer, avviata nel pomeriggio del 14 ottobre alle ore 17 e conclusasi il 18 ottobre con il debriefing per fare il punto sulla complessa esercitazione.

Comacchio (FE), esercitazione: in campo l'unità cinofilaSul campo si è partiti con diverse operazioni simultanee a cominciare dalla parte comunicativa tenuta mediante apparati radio analogici e digitali. A seguire si sono svolte simulazioni di prove di orientamento con l’utilizzo di strumenti e sistemi di riferimento in ambito urbano ed extra urbano e con l’impiego dell’Unità Cinofile da Soccorso (UCS).

Come avviene in casi particolarmente delicati come l’allontanamento di una persona, si è attivato anche l’assistenza psicologica ai famigliari dello scomparso.

Dopo due giorni di ricerche intense partite nel centro abitato di Lido degli Estensi, proseguite in alcune porzioni di territorio non antropizzato (e precisamente nella pineta di Lido di Spina) e prossime all’ambito costiero, si è estesa la ricerca anche nel porto canale e nel canale Logonovo, giungendo al ritrovamento dell’anziano scomparso nella giornata di sabato 16 ottobre.

Gli enti e le strutture operative coinvolte nella presente esercitazione sono state: Prefettura-U.T.G. di Ferrara; Forze dell’Ordine (Questura di Ferrara, Comando Provinciale dei Carabinieri, Comando Provinciale Guardia di Finanza, Comado stazione di Comacchio, Carabinieri Forestali, Polizia Provinciale di Ferrara, Polizia Municipale di Comacchio); Comando Provinciale dei Vigili del Fuoco; Ufficio Circondariale Marittimo di Porto Garibaldi; Comune di Comacchio; Azienda sanitaria Locale/centrale operativa 118; il C.A.V.P.C. Ferrara; Croce  Rossa Italiana; Psicologi per i popoli Emilia-Romagna e l’Agenzia per la Sicurezza Territoriale e Protezione Civile, Servizio per la Sicurezza Territoriale e Protezione Civile Ferrara.

Per quanto riguarda il Coordinamento delle Associazioni di Volontariato di Protezione Civile di Ferrara, sono stati impiegati circa 70 volontari afferenti a più associazioni del territorio, comprensivi anche del personale volontario della Croce Rossa Italiana e degli Psicologi per i popoli Emilia-Romagna.

Nello specifico i volontari di Protezione civile sono stati coinvolti nelle attività di supporto alla ricerca dell’uomo in ambito non urbanizzato, rurale e costiero anche con ausilio dell’Unità Cinofile da Soccorso (UCS) e il Gruppo APR (Droni), nella gestione della segreteria d’emergenza interna per la registrazione dei volontari e come figuranti per la simulazione della persona dispersa.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina