mercoledì,  27 aprile 2022

Medicina (BO), il maltempo spacca in due il Quaderna

In appena ventiquattro ore chiuse due rotte sul torrente Quaderna grazie al pronto intervento dei Tecnici dell’Agenzia, del Consorzio Bonifica Renana e dell’impresa CIB

Bologna - Il maltempo dei giorni scorsi ha creato diversi problemi in tutta l’Area Metropolitana dellaQuaderna: piena del torrente in località Palesio Città di Bologna e in particolare sulla trasversale di Pianura, dove si sono registrate di versi allagamenti e - soprattutto - una rotta sul Torrente Quaderna, nel Comune di Medicina, a monte del ponte del Massarolo e precisamente prima della confluenza tra il Quaderna, il Gaiana e il Canale di Bonifica Acquarolo.

Le rotte sul Quaderna sono state chiuse in appena 24 ore e - fortunatamente - non sono stati rilevati danni ad abitazione; infatti, si è registrato solo l’allagamento di alcuni campi e l'unica casa presente non è stata allagata in quanto i tecnici dell’Ufficio Tecnico di Bologna, dell’Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile, sono prontamente intervenuti attivando un intervento di somma urgenza, inviando nel punto delle due rotte l’impresa C.I.B. di Castelfranco Emilia (Mo), che si è prodigata con un intervento minuzioso con pompe e con la cosiddetta marinatura di emergenza, ovvero una preparazione propedeutica a risistemare l’argine leso dalle abbondanti piogge abbattutesi in poche ore.

Già nelle prime ore di venerdì 22 aprile le abbondanti precipitazioni avevano fatto alzare vertiginosamente i livelli idrometrici dei fiumi (raggiungendo un picco record al tele-idrometro di monte di Palesio del torrente Quaderna), allagato strade e sottopassaggi in più zone dell’area metropolitana bolognese, creando forti disagi alla circolazione stradale. Infatti, è stato anche chiuso un tratto della trasversale che collega Budrio e Medicina. In particolare - come abbiamo già riportato - nel territorio medicinese alle ore 16 del pomeriggio si è rilevata la rottura dell’argine in due punti, una del diametro di tre metri circolare e l’altra di due metri, che hanno letteralmente allagato i campi adiacenti e minacciato una casa, nella quale risiedono otto persone.

fase della posa telanoturaSolo il tempestivo intervento dei tecnici dell’Agenzia, del Consorzio Bonifica Renana e dell’impresa intervenuta ha evitato l’allagamento del fabbricato in quanto si è prontamente costruito un arginello a protezione di oltre 15 metri e pompata l’acqua dal Quaderna per immetterla nel torrente Gaiana.

L’intervento per riparare le due rotte è stato tempestivo e chiuso in appena 24 ore, lavorando giorno e notte e in una situazione precaria in quanto il terreno non permetteva ai mezzi pesanti di raggiungere agevolmente i due punti di rottura arginale. Tant’è che si è dovuto operare creando una pista di accesso provvisoria per permettere ai mezzi di muoversi tempestivamente. Dopodiché si sono chiuse le due enormi falle realizzando due argini provvisori coperti da teloni protettivi, utilizzati in questi particolari casi di ricostruzione.

Completata la fase emergenziale, in queste ultime ore l’impresa è impegnata a costruire una più ampia pista di accesso al cantiere della lunghezza di circa 600 metri, che servirà ai mezzi per ricostruire l’opera arginale in modo definitivo.

Allo scopo di un più ampio presidio e monitoraggio dei fiumi, sono intervenute squadre di volontari di Protezione Civile afferenti alla Consulta Provinciale, attivate dall’Ufficio Sicurezza territoriale e protezione civile di Bologna, mentre la locale Associazione Volontari di Medicina ha operato presso il torrente Quaderna per presidio e monitoraggio e per supportare i residenti dell’edificio a rischio allagamento, nonché per la predisposizione dell’eventuale evacuazione che fortunatamente non si è resa necessaria.

Più in generale, nell’area metropolitana Città di Bologna si sono rilevate diverse criticità, ma al momento non si sono rilevati danni importanti a privati e infrastrutture in quanto la recente manutenzione arborea lungo gli argini e negli alvei ha fatto sì che non fosse presente materiale fluitato lungo i corsi d’acqua. 

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina