mercoledì,  1 giugno 2022

Bologna (Bo), rilievi topografici e indagini sull’opera idraulica del Battiferro

Realizzati una serie di indagini studio e propedeutici per i prossimi interventi di manutenzione dello storico impianto di laminazione di via del Navile.

Grazie al periodo di secca eccezionale del tratto del torrente Navile, per lavori di manutenzione degli argini a protezione del territorio, ha permesso ai tecnici dell’Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile, dell’Università di Bologna e della Croce Rossa di Bologna, di realizzare una serie di rilievi topografici e planimetrici, sia all’interno che all’esterno dell’ex manufatto del Genio Civile, comprese tutte le pertinenze esterne e attorno all’impianto.

Battiferro: i tecnici impegnati nei rilieviTutte le attività programmate, nel periodo compreso fra il 9 al 31 maggio, sono state svolte in maniera ampia e accurata, non solo nelle zone normalmente asciutte e fruibili, ma anche all’interno dell’alveo dove si è svolto un rilievo accurato e finalizzato anche a conoscenza meglio l’impianto anche dal punto di vista idraulico.

In particolare, il giorno 27 maggio la zona in cui si è lavorato è stata interdetta al traffico dal Comune di Bologna e dal Comando della Polizia Locale, che hanno emesso un’ordinanza di chiusura e delimitazione dell’area per procedere alle attività come previsto e in totale sicurezza. In quell’occasione si sono svolti i rilievi aerei con ausilio di un drone professionale in dotazione alla Croce Rossa Italiana, sede di Bologna, azioni particolarmente impegnative e realizzate grazie alle autorizzazioni di sorvolo rilasciate dalle autorità competenti Enac ed Enav. Infatti, l’area in cui si è operato è considerata zona rossa essendo sulle rotte dei voli aerei in partenza e in arrivo all’aeroporto “Guglielmo Marconi” di Bologna.

Battiferro: i tecnici guidano il droneSempre nella stessa giornata ed in contemporanea ai rilievi in volo, si sono svolti quelli a terra utilizzando le tradizionali attrezzature per le livellazioni, laser scanner, fotogrammetrie, svolti da tecnici esperti e qualificati dell’Università di Bologna.

Visto la particolarità delle operazioni, erano presenti anche il Direttore dell’Agenzia Regionale per la Sicurezza Territoriale e la Protezione Civile, Rita Nicolini e il Responsabile del Settore sicurezza territoriale e protezione civile distretto Reno, Davide Parmeggiani.

L’importanza dell’impianto di laminazione del Battiferro

L’impianto del Battiferro, lungo il Canale Navile, un tempo era usato come sostegno idraulico per la navigazione e poi come sbarramento per creare energia idraulica per la centrale idroelettrica. Oggi il cosiddetto “Battiferro” è utilizzato come impianto per la “laminazione” delle piene del Canale Navile provenienti da Bologna e consente di mandare a valle una portata di acqua definita a “frenata”.

Se non ci fosse (o se lo sbarramento restasse sempre totalmente aperto) il canale Navile poco a valle tracimerebbe e il canale Battiferro in prossimità di via del Sostegno, esonderebbe allagando le abitazioni situate in prossimità del canale.

Prossimamente l’edificio di manovra e casa guardia del Battiferro, sarà sottoposto ad un intervento di ristrutturazione per preservare la struttura portante che ospita gli impianti di attivazione degli sbarramenti.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina