martedì,  24 maggio 2022

Decennale sisma. A Finale Emilia (Mo) il 25 e 26 maggio un'esercitazione di protezione civile per testare nuove misure e procedure in caso di terremoto

In campo, tra gli altri, Vigili del Fuoco con droni, 80 tecnici regionali rilevatori dei danni ed esperti di interventi sui beni culturali danneggiati. L’attività rientra in un calendario di esercitazioni che interessano tutta l’Emilia-Romagna

Bologna – Un’ottantina di tecnici recentemente abilitati alla rilevazione dell’agibilità degli edificiLogo Decennale Sisma Emilia 2012 colpiti da terremoti, poi Vigili del Fuoco con droni e altri specialisti e volontari di Protezione civile. Tutti protagonisti di una speciale esercitazione sul rischio sismico, che si terrà il 25 e il 26 maggio nel comune di Finale Emilia, in provincia di Modena.  
A dieci anni dal sisma del 2012, il sistema regionale di protezione civile torna nel ‘cuore del cratere’ e ripercorre eventi come quelli che colpirono duramente l’Emilia: nel centro della cittadina emiliana  tecnici e operatori simuleranno il rilievo dei danni che un ipotetico sisma – paragonabile alla scossa del 29 maggio 2012 – potrebbe provocare, testando le recenti indicazioni operative del Dipartimento nazionale della Protezione civile relative alla valutazione dell’impatto, al censimento dei danni e al rilievo dell’agibilità post-sisma su strutture pubbliche, private e su edifici di interesse culturale. Operazioni fondamentali, queste, per la delimitazione delle aree colpite, il ripristino delle strutture danneggiate e il ritorno alla normalità.

L’iniziativa rientra nell’ambito degli eventi della Regione Emilia-Romagna per il Decennale del sisma in Emilia del 2012, che interesseranno fino a dicembre diverse aree del territorio emiliano epicentro delle scosse. 
L’esercitazione è organizzata dall’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, insieme alla Direzione regionale dei Vigili del Fuoco e al Comune di Finale Emilia, in collaborazione con il Ministero della Cultura - Segretariato regionale per l’Emilia-Romagna, il Servizio Geologico, sismico e dei suoli della Regione, l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Invg), il Ciri - Edilizia e Costruzioni dell’Università di Bologna, le organizzazioni di volontariato di protezione civile
Questa esercitazione si inserisce nel quadro più ampio di quelle che i Vigili del Fuoco hanno organizzato nel periodo tra il 24 e il 27 maggio in tutta l’Emilia-Romagna, per testare la risposta operativa a eventi emergenziali e mettere in pratica le procedure interne d’emergenza.


Il programma 
Sopralluogo, beni culturali, tecniciLe due giornate di esercitazione saranno precedute, martedì 24 maggio, dalla simulazione - al Centro operativo regionale (Cor) di Bologna - dell’accreditamento delle squadre dei tecnici del Nucleo di valutazione regionale (Nvr) che, alla notizia della scossa sismica, saranno registrate e inviate sul luogo del terremoto. 
Mercoledì 25 e giovedì 26, accanto ai Vigili del Fuoco che metteranno in pratica gli interventi per la delimitazione delle “zone rosse”, i tecnici regionali si occuperanno dei sopralluoghi sulle strutture virtualmente colpite, eseguendo i rilievi necessari su circa 200 elementi danneggiati nel centro storico di Finale Emilia. Le ricognizioni saranno effettuate anche con l’uso di droni dei Vigili del Fuoco, in grado di rilevare immagini bi e tri-dimensionali. In particolare, su due chiese del territorio comunale, edifici di rilevanza storico-culturale, sarà fondamentale la collaborazione con il Nucleo di valutazione del ministero della Cultura, il Nucleo carabinieri per la Tutela patrimonio culturale, incaricati di “scortare” il trasporto in sicurezza degli elementi danneggiati presso ripari temporanei, e la presenza di volontari formati specificamente sul trattamento in emergenza di questi beni così delicati.

Al termine della prima giornata, alle ore 17, nel Polo della sicurezza di Finale Emilia (via per Modena 48/1), è previsto un momento di verifica delle attività alla presenza dell’assessore regionale alla Protezione civile, Irene Priolo, del Dipartimento nazionale, del prefetto di Modena, Alessandra Camporota, del sindaco del Comune di Finale Emilia, Claudio Poletti, nonché quella dei direttori dei vari enti coinvolti. L’incontro sarà preceduto dalla visita dell’assessore Priolo a Reggiolo, in provincia di Reggio Emilia, dove è in programma un’ulteriore esercitazione dei Vigili del fuoco sempre relativa al rischio sismico.

Gli 80 tecnici rilevatori delle agibilità coinvolti sono provenienti da diverse amministrazioni dell’Emilia-Romagna e sono stati formati tra 2021 e 2022 grazie ai corsi abilitanti organizzati dall’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, in collaborazione con la Regione (Servizio Geologico sismico e dei suoli) e le Università. Per loro sarà un’occasione preziosa per testare le competenze sul campo, in uno scenario che ripercorre l’evento sismico che colpì l'Emilia dieci anni fa. 

Azioni sul documento

ultima modifica 2022-05-24T13:24:39+01:00
Questa pagina ti è stata utile?

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina