mercoledì,  29 luglio 2020

Scout Agesci a lezione di antincendio boschivo

Formazione a distanza per l'accensione in sicurezza dei fuochi, organizzata da Regione, Carabinieri-Forestali e Vigili del Fuoco

Bologna - Cosa è utile sapere e fare prima di accendere un fuoco nei boschi, per un bivacco o per Pericolo barbecuecucinare.  Prosegue anche quest’anno la formazione per l’accensione in sicurezza di fuochi controllati, rivolta ai capi campo Scout dell’Agesci, organizzata dall’Agenzia regionale per la sicurezza territoriale e la Protezione civile, d’intesa con il Comando regionale Carabinieri-Forestali e la Direzione regionale Vigili del fuoco.

Sono previsti due moduli, di quattro ore ciascuno, svolti a distanza, su piattaforma digitale.
La prima sessione “Accensione in sicurezza di fuochi controllati - valutazione dei rischi e strumenti per la riduzione degli stessi” (a cura dei Vigili del Fuoco) tratterà una serie di argomenti quali i principali fattori di innesco e propagazione degli incendi, le tipologie di incendio, la valutazione dei rischi principali nelle due tipologie di fuochi previste: riscaldamento del cibo e fuochi di bivacco; la preparazione dell’area destinata all’accensione del fuoco.  Si parlerà inoltre dei compiti dei Vigili del Fuoco, dei rischi connessi all’accensione dei fuochi controllati (innesco per propagazione diretta e indiretta da faville, scintille e braci), di primo intervento in caso di fuoco fuori controllo e dei comportamenti da adottare.

Nella sessione curata dall’Arma dei Carabinieri-Specialità Forestale “Inquadramento del fenomeno degli incendi boschivi e del quadro normativo con specifico riferimento ai fuochi controllati e alle attività scout” saranno illustrati, tra i vari argomenti, la definizione di incendio boschivo e di fuoco controllato e la percezione dei rischi, dati e cause degli incendi boschivi, il quadro normativo (a livello  nazionale e regionale);  le responsabilità connesse al ruolo di Capo Unità Campo; le  fasi di rischio di incendio boschivo in Emilia Romagna. Ed ancora, le comunicazioni obbligatorie in Emilia-Romagna, i compiti attribuiti ai Carabinieri – Specialità Forestale, i modelli previsionali; la scelta dell’area e  la predisposizione della richiesta di autorizzazione da presentare al Sindaco (modello e dati necessari).

I corsi sono organizzati nell’ambito del Piano di previsione, prevenzione e lotta attiva contro gli incendi boschivi della Regione e del Regolamento regionale di attuazione n. 3/2018. Al termine dei corsi verrà rilasciato un attestato di partecipazione, valido ai sensi del Regolamento, che autorizza gli scoutisti ad accendere i fuochi durante le uscite sul territorio emiliano-romagnolo.

Valuta il sito

Non hai trovato quello che cerchi?

Piè di pagina